Il Terzo Reich

Timeline created by ilaria101
In History
  • L'avvento al potere

    L'avvento al potere
    Il 30 gennaio 1933, Hitler, convocato dal presidente Hindenburg, accettò l'incarico di cancelliere di un governo di destra in cui i nazisti occuparono inizialmente solo tre ministeri su undici. I conservatori, certi di aver ingabbiato Hitler come i liberali s'erano illusi nei riguardi di Mussolini, devono presto ricredersi.
  • L'incendio del Reichstag

    L'incendio del Reichstag
    Col pretesto dell'incendio del Reichstag ad opera di un comunista olandese semisquilibrato mentale (ma secondo alcuni furono gli stessi nazisti ad applicare il fuoco...) il governo fa approvare le "misure eccezionali" con le quali limitò o annullò libertà di espressione ed associazione
  • Lager e sterilizzazione forzata

    Lager e sterilizzazione forzata
    Vennero creati campi di concentramento per oppositori politici e vennero sterilizzati in maniera coatta portatori di malattia genetiche e mentali. Questo ultimo programma, per via delle proteste incontrate, verrà sospeso nel 1939
  • Ministero della propaganda

    Ministero della propaganda
    Ai fini della creazione del consenso ovvero del condizionamento delle coscienze grazie al controllo di tutte le agenzie educative e dei mezzi di comunicazione (specie se di massa) viene creato uno specifico "Ministero della propaganda" retto da Goebbels
  • La "legge suicida"

    La "legge suicida"
    Forte del 44% ottenuto in nuove consultazioni elettorali, Hitler strappò al Parlamento una serie di provvedimenti legislativi che gli conferiscono pieni poteri legislativi ed esecutivi
  • La nazificazione di Stato e società

    La nazificazione di Stato e società
    Per legge il NSDAP divenne l'unico partito. I sindacati furono sostituiti da una corporazione guidata dallo Stato, il "Fronte del lavoro". Parimenti venne "nazificata" ogni agenzia educativa: dalla scuola alla "Gioventù hitleriana", dal "Giovane popolo" alle "Giovani ragazze" , ogni aspetto dello Stato e della società civile venne posto sotto lo stretto controllo del partito. Venne inoltre creata una polizia segreta, la "Gestapo" retta da Himmler, già capo delle neonate SS
  • ll concordato

    ll concordato
    La Chiesa di Roma siglò un concordato col regime nazista. Anche i rapporti fra nazismo a Chiesa protestante furono "pacifici", tanto che questa firmò giuramento di fedeltà a Hitler nel 1938. Nonostante la condanna del razzismo e del culto del capo, il dissenso nel mondo religioso restò un fatto sporadico ed individuale
  • Il plebiscito

    Il plebiscito
    Dopo aver arrestato gli oppositori comunisti e sciolto tutti gli altri partiti, Hitler ottiene il 92% dei consensi in una consultazione plebiscitaria
  • Führerprinzip e “comunità di popolo”

    Führerprinzip e “comunità di popolo”
    Scomparsa ogni traccia del sistema repubblicano, si realizzava pienamente il "principio del capo", guida unica, suprema e carismatica di un popolo di cui si supponeva incarnasse l'essenza senza bisogno di alcuna forma di intermediazione o rappresentanza. Al rapporto organico fra capo e popolo, corrispondeva una visione di quest'ultimo come una compatta e disciplinata "comunità di popolo" su base razziale inquadrata in organismi quali il Fronte del lavoro o la Gioventù hitleriana.
  • La notte dei lunghi coltelli"

    La notte dei lunghi coltelli"
    Temendo l'autonomia delle SA, i "reparti d'assalto" di Röhm ovvero il gruppo paramilitaredel partito ancora legato all'impostazione "rivoluzionaria" ed anticapitalismo delle origini, Hitler ne sterminò i capi in un massacro che fece inorridire il mondo civile ad opera delle neonate SS, le "squadre di difesa", sua la milizia personale con annessa polizia segreta
  • Hitler diviene capo dello Stato

    Hitler diviene capo dello Stato
    In virtù di una legge da lui stesso fatta approvare, alla morte del vecchio maresciallo Hindenburg, Hitler assommò alla carica di capo del governo, cancelliere, anche quella di capo dello Stato, presidente, grazie all'appoggio ottenuto dalle alte cariche dell'esercito. Diviene così il Führer del Terzo Reich. Frattanto, il controllo statale delle attività imprenditoriali e sindacali diede il là ad una rapida ripresa economica che già nel 1939 condusse la Germania alla piena occupazione
  • Le "leggi di Norimberga"

    Le "leggi di Norimberga"
    Gli ebrei vennero privati dei diritti di cittadinanza, discriminati legalmente ed emarginati socialmente dal nazismo
  • "Un gioco molto serio"

    "Un gioco molto serio"
    Riluttante all'idea di ospitare i giochi olimpici, Hitler cambiò idea quando Joseph Goebbels, ministro della Propaganda, lo convinse dell'eccezionalità dell'occasione a supporto della diffusione del mito di una razza di eletti offerta allo sguardo del mondo in spettacolari liturgie laiche riprese, fra gli altri, dalla regista Leni Reifenstahl nel lungometraggio "Olimpia"
  • Eu-Aktion T4

    Eu-Aktion T4
    Il pericolo rappresentato dagli ebrei e da chiunque altro minacciasse la purezza della razza ariana andava debellato. Se la pianificazione dello sterminio e l'organizzazione della "soluzione finale" attesero il 1941 e la sigla del protocollo di Wannsee all'inizio del 1942, dal 1938 al 1941 ebbe già luogo la Eu-Aktion T4, programma eugenetico di "eutanasia" ovvero eliminazione di circa 200.000 portatori di malattie genetiche e mentali, le cui vite erano giudicate "indegne di essere vissute"
  • L'Anshluss dell'Austria

    L'Anshluss dell'Austria
    Nel silenzio dell'Europa, Hitler costrinse alle dimissioni il cancelliere austriaco Schunshnigg, intervenne con l'esercito per "salvare il paese dal caos" e ratificò plebiscitariamente l'avvenuta unificazione di Germania ed Austria.
  • La "notte dei cristalli"

    La "notte dei cristalli"
    Ebbe inizio la persecuzione fisica degli ebrei in un gigantesco pogrom. Mentre si avviavano segretamente pratiche omicide ed eugenetiche sui malati mentali, si cominciarono a delineare teorie e tecniche che porteranno nel 1942 all'attuazione della "soluzione finale".
  • La questione dei Sudeti

    La questione dei Sudeti
    Nell'assordante silenzio dell'Europa, Hitler aggredì la Cecoslovacchia col pretesto etnico della riunificazione della minoranza tedesca dei Sudeti.
  • L'invasione della Polonia

    L'invasione della Polonia
    Forte del patto Ribbentrop-Molotov, al Germania invase la Polonia. Francia ed Inghilterra, novelle alleate di quest'ultima, dichiararono guerra alla Germania.