Sociale dei gruppi

  • Etimologia stereotipo - Lippmann

    Lippmann Ha origine dalla categorizzazione sociale, perché lo stereotipo è uno schema che io applico ad un gruppo (ossia ad una categoria sociale che si forma dal processo di categorizzazione sociale).
    • È qualcosa di cognitivo perché coincide con le credenze.
    • Dal momento che è esito dal processo di categorizzazione, è una struttura cognitiva che porta a semplificare la realtà circostante, in particolar modo, la realtà circostante che coinvolge i gruppi sociali.
  • La psicologia sociale è parte della psicologia dell’individuo - Allport

    La psicologia sociale è parte della psicologia dell’individuo - Allport
    L'orientamento nordamericano tende a considerare il gruppo in chiave individuale, prospettiva esplicitata dalla definizione di Allport (1924): "Non esiste una psicologia dei gruppi che non sia essenzialmente e interamente una psicologia degli individui. La psicologia sociale [...] è parte della psicologia dell’individuo, il cui comportamento è studiato in relazione a quelle componenti ambientali che comprendono i suoi simili”.
  • Modello della frustrazione e aggressività - Dollard

    Modello della frustrazione e aggressività - Dollard
    Dollard Il pregiudizio è spiegato come l’effetto di uno stato di frustrazione che si insinua nell’individuo causata dal mancato raggiungimento di un bisogno; frustrazione che veniva espressa come aggressività nei confronti di un determinato target/capro espiatorio (a quei tempi il pregiudizio era correlato esclusivamente al concetto di aggressività verso l’outgroup). La teoria è stata superata: non è in grado di spiegare la presenza del pregiudizio al di fuori di uno status di frustrazione.
  • Period: to

    Ricercatore di coerenza - Festinger

    Il modello prevede che l’individuo ricerchi coerenza nel modo di pensare, agire e sentire. Gli elementi chiave sono due: la coerenza e la motivazione. Due cognizioni incongruenti causano ciò che Festinger chiama dissonanza cognitiva, che può essere risolta o interrompendo o giustificando il proprio comportamento La dissonanza cognitiva, per F., emerge dopo la decisione, non prima né durante.
  • Studio sulla formazione delle impressioni - Asch

    Studio sulla formazione delle impressioni - Asch
    Asch dimostra che le impressioni vengono polarizzate maggiormente da tratti di calore e competenza, che veicolano informazioni molto rilevanti. Tratti opposti nelle dimensioni calore e competenza (caloroso vs freddo, competente vs stupido) modificano molto di più le impressioni rispetto a tratti opposti in altre dimensioni (in salute vs malata
  • La profezia che si auto avvera - Merton

    La profezia che si auto avvera - Merton
    Merton '48
  • Teoria della deprivazione relativa - Stouffer

    Stouffer si ispira ad Adorno Questa teoria implica che il pregiudizio emerga in situazioni di frustrazione soggettive, ovvero come esso venga percepito dall'individuo, in particolare come il proprio stato venga confrontato con lo stato di un altro target.
    Il pregiudizio, quindi, emerge da una frustrazione legata dal confronto sociale: si osserva lo stato di un individuo che sta peggio di me e da questo emerge la frustrazione.
  • Modello della personalità autoritaria - Adorno

    Modello della personalità autoritaria - Adorno
    Adorno
    Il pregiudizio è spiegato come sintomo di una personalità psicopatologica causata da figure parentali rigide che porta l’individuo a sfogare la sua frustrazione sui gruppi minoritari. La teoria è stata superata: non tiene conto delle fluttuazioni temporali del pregiudizio.
  • Teoria del contatto - Allport

    Teoria del contatto - Allport
    Allport '54 "the natural prejudice" Per ridurre il pregiudizio il modello maggiormente diffuso è l'ipotesi del contatto, elaborato da Allport sempre ne "the natural prejudice" dove vi è anche una parte in cui si occupa della riduzione del pregiudizio e dell'ipotesi del contatto. "Il contatto tra persone appartenenti a gruppi diversi - quando positivo - può concorrere a ridurre i livelli di pregiudizio"
  • Principio di accentuazione - Tajfel

    Principio di accentuazione - Tajfel
    Tajfel e Wilkes . La categorizzazione sociale determina il principio di accentuazione (è l’effetto immediato della categorizzazione e accentua differenze e somiglianze) che, a sua volta, si divide in due processi distinti:
    1. Processo di massima differenziazione intercategoriale
    2. Processo di massima assimilazione intracategoriale
  • Due tipi di deprivazione (egoistica e fraterna) - Runciman

    Due tipi di deprivazione (egoistica e fraterna) - Runciman
    Runciman
    deprivazione: Person A does not have X
    Person A knows of other persons that have X
    Person A wants to have X
    Person A believes obtaining X is realistic Egoistica, individuale: un individuo si sente deprivato a causa della sua condizione personale, quindi il termine di confronto è tra singoli individui (Marco → Simone)
    - Fraterna, collettiva: un individuo si sente deprivato per la condizione del suo gruppo di appartenenza, il termine di confronto è quindi fra gruppi (Italiani → Tedeschi)
  • Teoria del conflitto realistico Sherif

    Teoria del conflitto realistico Sherif
    Sherif
    Secondo Sheriff, il pregiudizio è determinato da un'interdipendenza di tipo negativo: nasce dalla competizione per risorse limitate.
    È realistico perché nasce per il raggiungimento di risorse limitate, associabili a risorse materiali di tipo economico.
  • Esperimento del campo estivo - Sherif

    Esperimento del campo estivo - Sherif
    Sherif gli scopi competitivi siano quelli che innescano il conflitto tra i gruppi mentre gli scopi sovraordinati conducono a cooperazione. Tuttavia, questi obiettivi raggiungibili solo grazie alla collaborazione da parte di entrambi i gruppi, non eliminano completamente i conflitti.
  • Approccio multidimensionale nella formazione di impressioni - Rosemberg

    Approccio multidimensionale nella formazione di impressioni - Rosemberg
    Rosemberg fine anni '60 Sulla scia dei lavori precedenti di Ash. Alle persone veniva data una lista di conoscenti e dovevano descriverle attraverso l’impiego di tratti proposti sulla sinistra del foglio, scegliendone una decina. I tratti selezionati in misura maggiore si polarizzavano su due dimensioni: intellectual (good/bad) e social (good/bad).
    Che sono simili a calore e competenza.
    Definiscono quindi l’esistenza di due dimensioni a due poli.
  • Period: to

    Scienziato ingenuo - Heider

    Il modello prevede che l’individuo ricerchi logica e razionalità e analizzi senza commettere errori l’ambiente che lo circonda. L’elemento chiave è la logicità; la motivazione ricopre un ruolo secondario (l’individuo è solo generalmente motivato a comprendere l’ambiente che lo circonda secondo leggi logico-razionali).
  • Paradigma dei gruppi minimi - Tajfel

    Paradigma dei gruppi minimi - Tajfel
    Tajfel, Flament, Billing e Bundy Allocazione di risorse
    In questa misura le strategie possibili sono:
    1. Equità
    2. Massimo profitto comune
    3. Massimo profitto per l'Ingroup
    4. Massima Differenziazione, che è la strategia maggiormente utilizzata, perché si tende a favorire l'Ingroup differenziandolo dall'outgroup, anche se questo non porta al massimo guadagno dell'Ingroup (il più usato).
  • Bogus pipeline - Segall

    Bogus pipeline - Segall
    Segall
    negli anni '70 viene introdotta la "macchina della verità" in cui vi era un disegno sperimentale 2x2: nella condizione sperimentale i soggetti collegati ad elettrodi erano convinti che una macchina della verità monitorasse le loro risposte, per annullare l'effetto della desiderabilità sociale.
    In questa condizione la variabile indipendente è between subject perché il soggetto può trovarsi solamente in una delle due condizioni.
  • Esperimento deprivazione relativa - Pettigrew

    Esperimento deprivazione relativa - Pettigrew
    Vanneman e Pettigrew Più è alto il valore, più è elevato il pregiudizio, se negativo, non c'è.
    È una teoria appunto in parte superata, in quanto intende la deprivazione come principalmente a livello individuale e solo in secondo momento a livelli intergruppo, oltretutto non è in grado di prevedere perché:
    - Bisogna individuare il target.
    - Prevedere l'oggetto del confronto.
    funziona bene per spiegare a postumi fenomeni accaduti ma difficilmente permetterà di predire.
  • Period: to

    Economizzatore di risorse cognitive

    Il modello prevede che l’individuo ricerchi la comprensione dell’ambiente che lo circonda; egli è dotato di capacità logico-razionali, ma le sue capacità cognitive sono limitate e gli è impossibile processare tutte le informazioni che riceve: per economizzare le sue risorse cognitive deve ricorrere a “scorciatoie” (euristiche) che spesso conducono a semplificazioni, percezioni erronee e distorsioni della realtà.
  • Subgrupping - Brewer prima, Richardse dopo

    Subgrupping - Brewer prima, Richardse dopo
    Brewer, Dulle, Lui 1981
    Richardse, Hewstone 2001 Quando si considera un gruppo, questo gruppo non è esclusivamente processato a livello sovraordinato, ma è divisibile in diversi sottogruppi, e questi sottogruppi hanno delle caratteristiche stereotipiche non necessariamente riconducibili alla grande serie stereotipica associata alla macro-categoria. Questi gruppi hanno caratteristiche stereotipiche che non sono necessariamente presenti nella categoria generale.
  • Teoria dell'identità sociale e continuum interpersonale-intergruppo - Tajfel

    Teoria dell'identità sociale e continuum interpersonale-intergruppo - Tajfel
    Tajfel Identità sociale: Quella parte del concetto di sé che deriva dalla consapevolezza di appartenere ad un gruppo sociale (o a gruppi sociali), unitamente al significato emotivo associato a tale appartenenza MERA CATEGORIZZAZIONE = il semplice fatto di categorizzare gli individui in due gruppi li porta a percepire se stessi e gli altri in termini di “noi e “loro” e ad agire in modo diverso nei confronti degli appartenenti ad ingroup e outgroup
  • Pregiudizio di Genere - Eagly

    Pregiudizio di Genere - Eagly
    Eagly e Steffen
    che ha messo in evidenza come gli stereotipi di genere siano strettamente connessi alla divisione sociale del lavoro tra uomini e donne.
    Lo stereotipo è bidirezionale, da una parte perché le donne sono ritenute meno capaci in ambito tecnico e quindi ricoprono ruoli meno importanti; proprio per questo si rinforza la credenza che siano capaci di fare solo quello. Invece, gli uomini trovano impiego in professioni tecniche e di direzione, quindi con maggiore potere.
  • Teoria della decategorizzazione - Miller

    Brewer e Miller
    Il contatto per diminuire il pregiudizio.
    Il contatto deve essere il più possibile ‘personalizzato’ ovvero di tipo interindividuale. Questo perché l’appartenenza categoriale evoca stereotipi e pregiudizio: durante l’interazione bisogna dimenticare l’appartenenza categoriale oppure non può avvenire un contatto con valenza positiva. L'individuo non rappresenta la categoria quindi l'atteggiamento nei confronti del gruppo non migliora e non peggiora.
  • Teoria della mutua differenziazione - Brown

    Hewstone e Brown in contrapposizione a Miller
    il contatto deve essere di tipo grouppale o non avverrà la diminuzione del pregiudizio perché la salienza dell’appartenenza al gruppo è essenziale. In questo modo vi è la possibilità di generalizzare all’intero outgroup l’esperienza positiva. Problema individuato da Brewer e Miller, se viene resa molto saliente l'appartenenza categoriale e la categorizzazione sociale si verifica l'impossibilità di avere un contatto di tipo positivo.
  • Teoria dell'inversione di genere - Kite

    Teoria dell'inversione di genere - Kite
    Kite e Deaux
    si attribuisce alla minoranza sessuale caratteristiche stereotipiche del sesso opposto più caratteristiche stereotipiche negative proprie; inoltre, per alcune categorizzazioni, avviene una doppia dissociazione (la donna eterosessuale stereotipizza le lesbiche con le caratteristiche tipiche degli uomini eterosessuali – camioniste; l’uomo eterosessuale invece stereotipizza le lesbiche come lascive bisessuali).
  • Self Categorization Theory - Turner

    Self Categorization Theory - Turner
    Turner
    Ci sono 3 livelli di categorizzazione possibile, nel primo mi categorizzo come singolo individuo, nel secondo a livello di gruppo che coincide con l’identità sociale, il terzo livello (non previsto da Tajfel) va oltre il gruppo e differenzia ciò che è umano da ciò che non lo è (ci sono gruppi che non sono inclusi nel genere umano, vedi deumanizzazione).
  • Common Ingroup Identity Model - Gaertner

    Common Ingroup Identity Model - Gaertner
    Gaertner
    per poter ridurre il pregiudizio che intercorre tra il gruppo A e il gruppo B, l'unica strategia è creare un ingroup sovra-inclusivo, che porta sostanzialmente a migrare tutti i membri dell'outgroup verso i membri dell'ingroup: perché in questo modo stiamo parlando dello stesso gruppo, quindi cessano di esistere un ingroup e un outgroup: rimane un ingroup molto più ampio dove sono presenti i membri che originariamente facevano parte dell'ingroup e anche dell'outgoup.
  • Modello del continuum dello stereotipo - Fiske

    Modello del continuum dello stereotipo - Fiske
    Fiske e Neuberg '90
    Secondo Susan Fiske, un individuo per processare la realtà circostante (formazione di impressioni degli altri) può mettere in atto due tipi di processi e li mette agli estremi di un continuum: • processi top-down, ovvero i processi che non richiedono uno sforzo cognitivo e che sono immediati, automatici ed involontari. Ad es. i processi stereotipici.
    • processi bottom-up, ovvero i processi che richiedono l’elaborazione dell’informazione in maniera dettagliata.
  • Deumanizzazione esplicita - Susan Opotow

    Deumanizzazione esplicita - Susan Opotow
    Susan Opotow
    La deumanizzazione esplicita è una forma estrema di pregiudizio che porta a conseguenze negative attraverso un controllo cosciente. Porta il gruppo ad essere percepito al di fuori dei confini morali dell’umanità.
  • Giustificazione cognitiva e mantenimento dell'uniformità del gruppo - Bar-Tal

    Bar-Tal
  • Period: to

    Tattico conoscitore motivato - Fiske & Taylor)

    Il modello arricchisce il modello precedente, ma reintroduce la motivazione come elemento chiave; secondo Fiske & Taylor la motivazione è il modulatore che decide le tecniche che l’individuo impiega per comprendere l’ambiente che lo circonda. Una forte motivazione coincide con un modus operandi simile a quello previsto dal modello dello scienziato ingenuo; una motivazione debole coincide con un modus operandi simile a quello previsto dal modello dell’economizzatore di risorse cognitive.
  • Compito di rievocazione per centralità di calore e competenza - Wojciszke

    Wojciszke
    chiede di descrivere un individuo attraverso un compito di rievocazione. Le persone devono descrivere la persona liberamente quindi questo rende il compito più difficile. Wojciszke trova che anche quando le persone non hanno cue di riferimento, quando
    descrivono un’altra persona e devono formarsi un’impressione su di essa, rievocano dalla memoria in misura maggiore termini riconducibili alle dimensioni di calore e competenza.
  • Sessismo Ambivalente - Fiske

    Sessismo Ambivalente - Fiske
    Glik e Fiske
    Sessismo ostile: diretto manifesto
    Sessismo benevolo: più sottile, ti faccio un complimento su una cosa per intendere che è meglio che fai solo quella
  • Accuratezza dello stereotipo - Macrae , Ryan

    Accuratezza dello stereotipo - Macrae , Ryan
    Macrae, Stangor, Hewstone '96
    Ryan, Park e Judd '96:
    The accuracy of in-group and out-group variability judgments was examined by comparing those judgments with the variability of self-ratings provided by random samples of group members
  • Esperimento sull'attivazione dello stereotipo - 1°

    Wittenbrink, Judd e Park 1997; 2001
  • Contatto esteso - 1° Wright

    Wright '97
    Turner 2008
  • Teoria della gestione del terrore - Greenberg

    Greenberg, Solomon e Pyszczynski '
  • Critica alla Devine da parte di Brown

    Lepore e Brown
  • Il calore è la dimensione più importante di una descrizione di individui - Wojciszke

    Wojciszke, Bazinska e Jaworski
  • Modello integrato - Pettigrew

    Modello integrato - Pettigrew
    Pettigrew
    Integrare "mutua differenziazione e decategorizzazione"
    per fare in modo che il contatto all'inizio sia positivo anche se in modo personale, senza rendere saliente la categorizzazione sociale. Quando il contatto ha assunto una valenza positiva allora è necessario rendere saliente la categorizzazione perché in quel caso l'interazione è già governata da un certo grado di positività e il rendere saliente la categorizzazione non dovrebbe avere effetti così deleterio
  • Gaydar 1 - Ambady

    Gaydar 1 - Ambady
    Ambady '99
    Rule e Freeman dal 2008 È nota per aver formato ricercatori di grandissima fama come J. Richeson, John Freeman e Nick Rule, i quali si sono occupati insieme alla Ambady di stabilire scientificamente se il gaydar esiste o meno. Il primo lavoro su questo tema è della Ambady e risale al ’99, dopo anni di pausa i lavori sono ricominciati nel 2008 ad opera di Rule e Freeman. Essendo un campo di ricerca così recente le risposte relative a questo tema sono solamente parziali.
  • Stereotype Content Model - Fiske

    Fiske, Cuddy, Glik e Xu 2002 (primo nel '99 Fiske)
    la Fiske, si lasciò influenzare molto da quelle che erano le teorie riguardanti lo stereotipo di genere e il sessismo, di cui P. Glick era un profondo conoscitore. Calore e competenza nei primi lavori sono presenti negli stereotipi di genere e della divisione dei lavori uomo=lavori con competenza; donna=lavori che richiedono calore
  • Period: to

    Attore attivato

    Il modello arricchisce e sostiene i modelli precedenti dell’economizzatore di risorse cognitive e del pensatore sociale, ma aggiunge un elemento oggettivo: l’inconsapevolezza. I processi cognitivi volti alla comprensione dell’ambiente che circonda l’individuo sono anche impliciti o automatici (es: posso essere inconsapevole di avere un forte pregiudizio verso i disabili; oppure posso esserne consapevole, ma incapace di controllare i comportamenti negativi indotti dal pregiudizio).
  • Subgrupping - Richardse

    Richardse, Hewstone 2001
  • Esperimento sull'attivazione dello stereotipo 2° Wittenbrink

    Wittenbrink, Judd e Park 1997; 2001
  • 1° Esperimento primarietà del calore - Ybarra

    Ybarra, Chan e Park
  • Shooter Bias

    Shooter Bias
    Correll, Park, Judd e Wittenbrink
  • Modello della minaccia dello stereotipo - Steele

    Steele
  • Paternalistic and Envious Gender Stereotypes - Eckes

    Eckes
  • Identità sociale complessa - Roccas

    Roccas e Brewer
  • Esperimento ansia intergruppi - Voci

    Voci e Hewstone
  • Glass Cliff - Ryan

    Ryan e Haslam
    Aziende in crisi
  • Sociofuncional model - Neuberg

    Cottrell e Neuberg
  • stereotype content model Gay - Fiske

    Fiske
  • Looking Deathworthy - Eberhardt

    Looking Deathworthy - Eberhardt
    Eberhardt
  • Etichette categoriali e denigratorie - Carnaghi

    Carnaghi e Maass
  • Meta-analisi contatto - Pettigrew

    Pettigrew e Tropp
  • Modello della Infraumanizzazione - Leyens

    Leyens
  • Bias Map - Fiske

    Cuddy, Fiske, Glik
  • Caratteristiche del calore - Leach

    Leach, Ellemers e Barreto
  • Esperimento empatia - Voci

    Voci e Hewstone
  • Contatto immaginato - Turner

    Turner 2007
  • Minaccia media il contatto e secondary transfer effect - Tausch

    Tausch
  • Gaydar 2 - Freeman

    Rule e Freeman dal 2008
  • Esperimento Negro-ape metaphor - Goff

    Goff
  • Warm and Competence as Universal dimentions - Fiske

    Cuddy, Fiske, Glik
  • Contatto esteso 2° Turner

    Wright '97
    Turner 2008
  • Esperimento pregiudizio sessuale e disgusto - Dasgupta

    Esperimento pregiudizio sessuale e disgusto - Dasgupta
    Dasgupta
  • Intergroup Threat Theory - Stephan

    Stephan
  • Status e competizione predicono calore e competenza - Fiske

    Capariello, Cuddy e Fiske
  • Status and cooperation shape lesbian stereotypes - BRAMBILLA!!

    Status and cooperation shape lesbian stereotypes - BRAMBILLA!!
    Brambilla, Carnaghi e Ravenna
  • Il ruolo della moralità nella ricerca di informazioni - Brambilla!! Cherubini!!

    Il ruolo della moralità nella ricerca di informazioni - Brambilla!! Cherubini!!
    Brambilla, Rusconi, Sacchi e Cherubini
  • Ricerca di informazioni con domande simmetriche/asimmetriche - Brambilla!! Cherubini

    Ricerca di informazioni con domande simmetriche/asimmetriche - Brambilla!! Cherubini
    Brambilla, Rusconi, Sacchi e Cherubini
  • Parole riferite a calore sono più accessibili

    Abele e Bruckmuller
  • Pregiudizio sessuale e disgusto (odore) - Inbar

    Inbar
  • Antropomorf. degli animali - Butterfield

    Butterfield, Hill e Lord
  • Moral trait dominate group impression formation - Brambilla!! Cherubini

    Moral trait dominate group impression formation - Brambilla!! Cherubini
    Brambilla, Sacchi, Rusconi, Cherubini e Yzerbyt
  • Etichette denigratorie ingroup Galinsky

    Galinsky
  • Familiarità con la comunità omosessuale - Brambilla !!!

    Familiarità con la comunità omosessuale - Brambilla !!!
    Brambilla, Riva, Rule
  • Antropomorf. della natura - Lee

    Tam, Lee e Chao
  • When Mother Earth rises up - BRAMBILLA!!

    When Mother Earth rises up - BRAMBILLA!!
    Sacchi, Riva e Brambilla
  • Tratti morali predicono l'interazione sia con O che con I - Brambilla!!!

    Tratti morali predicono l'interazione sia con O che con I - Brambilla!!!
    Brambilla, Sacchi, Pagliaro e Ellemers
  • Ridurre il pregiudizio: immigrati e moralità - Brambilla!!

    Ridurre il pregiudizio: immigrati e moralità - Brambilla!!
    Brambilla, Hewstone e Colucci
  • Pregiudizio sessuale e disgusto (cellulare) - Golec

    Pregiudizio sessuale e disgusto (cellulare) - Golec
    Golec de Zavala
  • Shooter Bias - Replicazione

    Shooter Bias - Replicazione
    Correll, Wittenbrink, Crawford e Sadler
  • Pregiudizio influenza il riconoscimento volti gay - Brambilla!!

    Pregiudizio influenza il riconoscimento volti gay - Brambilla!!
    Rule, Tskhay, Brambilla
  • Minaccia simbolica e realistica insieme predicono calore - Fiske

    Kervyn, Fiske e Yzerbyt
  • Riconoscimento gay e lavori - Rule

    Rule, Ambady 2016
  • Ridurre il pregiudizio: omosessuali e moralità - Brambilla!!

    Vezzali, Brambilla, Giovannini e Colucci