LA VITA DI TASSO, UN POETA INCOMPRESO

  • Mar 11, 1544

    Nascita di Tasso

    Nascita di Tasso
    Torquato Tasso nasce a Sorrento, Napoli, da una nobile famiglia bergamasca.
    Il padre, Bernardo, è già inserito nel mondo letterario contemporaneo; ciò, in particolar modo, stimola Tasso ad addentrarsi nel mondo della letteratura cortigiana. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Period: 1545 to 1563

    Inizio del Concilio di Trento

    Nel 1545 inizia il Concilio di Trento, il XIX concilio ecumenico della Chiesa cattolica. Il Concilio, bandito da papa Paolo III, è finalizzato a contrastare la diffusione di idee protestanti nel continente europeo.
  • Period: 1557 to 1559

    Tasso soggiorna prima ad Urbino e, poi, a Venezia

    Tasso, seguendo il padre, nel 1557 si trasferisce presso la corte dei della Rovere (Urbino), dove viene, per la prima volta, a contatto con l'ambiente cortigiano. Nel 1559 segue il padre a Venezia.
  • 1559

    Prima pubblicazione dell'Indice dei libri proibiti

    Prima pubblicazione dell'Indice dei libri proibiti
    L'Indice dei libri proibiti, la cui prima pubblicazione risale al 1559, costituisce la principale raccolta di libri banditi e definiti eretici dalla chiesa.
  • 1559

    Viene sancita la pace di Cateau-Cambrésis tra Spagna e Francia

    Viene sancita la pace di Cateau-Cambrésis tra Spagna e Francia
    Dopo il lungo conflitto, combattuto sulla penisola italiana, tra Spagna e Francia, le due nazioni accordano un trattato di pace: la pace di Cateau-Cambrésis. L'Italia passa, dopo l'ufficializzazione del trattato, sotto il controllo spagnolo.
  • 1560

    Tasso inizia a comporre "Gierusalemme"

    Tasso, influenzato dall'ambiente veneziano (che, in quel periodo, era impegnato nella lotta contro l'Impero Ottomano), inizia la stesura di "Gierusalemme", poema epico sulla prima crociata.
  • 1560

    Tasso si trasferisce a Padova

    Tasso, seguendo il padre, che peregrinava spesso per varie incombenze pratiche, si trasferisce a Padova; qui, inizialmente, frequenta l'università di giurisprudenza, poi si dedica allo studio della filosofia e della letteratura. Padova, centro dell'aristotelismo in Italia grazie a Pietro Pomponazzi, formerà il poeta seguendo le idee che lì si erano consolidate.
  • 1560

    Le accademie ricoprono un ruolo sempre più eminente nella diffusione e rielaborazione della cultura

    Le accademie acquistano sempre più importanza. Tasso stesso, nel secondo cinquecento, sarà in rapporto con due accademie di notevole spessore: l'Accademia degli Infiammati e quella degli Eterei, entrambe a Padova e legate alla filosofia aristotelica. Particolarmente importante per l'ambiente culturale fu l'Accademia degli Infiammati: impegnata a promuovere la cultura e diffondere l'utilizzo della lingua volgare in tutti i campi del sapere.
    (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1562

    Tasso compone il "Rinaldo"

    Tasso compone il "Rinaldo"
    Tasso, nel 1652, compone il "Rinaldo", poema epico di argomento cavalleresco che, in dodici canti, enarra le vicende giovanili (prevalentemente le armi e gli amori) del paladino cristiano.
  • 1562

    Tasso compone le liriche d'amore per Lucrezia Bendidio e Laura Peperara

    In concomitanza con la pubblicazione del "Rinaldo", inizia anche a comporre liriche d'amore per due fanciulle di corte: Lucrezia Bendidio, dama della duchessa Eleonora d'Este, e Laura Peperara, conosciuta dal poeta a Mantova. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1565

    Tasso entra al servizio del cardinale Ippolito d'Este

    Tasso entra al servizio del cardinale Ippolito d'Este
    Tasso, ponendosi al servizio del cardinale Ippolito, entra a tutti gli effetti nel mondo dei cortigiani stipendiati, trasferendosi a Ferrara (città nel pieno del suo fervore culturale, all'epoca).
  • 1565

    Tasso riprende la stesura di "Gierusalemme"

    L'ambiente cortigiano estense, da sempre vicino alla letteratura epico-cavalleresca, stimola Tasso a riprendere la stesura dell'opera iniziata nel 1559. L'opera viene pubblicata nell'estate del 1575 ed è letta dal duca Alfonso. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1565

    Tasso inizia la stesure dei "Discorsi dell'arte poetica"

    "Discorsi dell'arte poetica": trattato nel quale Tasso inserisce gli elementi precipui di un poema legato alla tradizione eroica, come il fondarsi su fatti storici modificabili fantasticamente. Questi eventi letti in chiave fantastica, però, devono essere narrati in modo chiaro ed ordinato.
  • Period: 1565 to 1572

    Tasso, amante della cultura

    Tasso, nel suo soggiorno a Ferrara, frequenta i principali ambienti culturali del luogo, stringendo importanti relazioni con le figure eminenti dell'ambiente culturale ed intellettuale ferrarese. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Period: 1567 to

    Le "Rime" di Torquato Tasso

    Tasso inizia la sua attività letteraria da giovane e, già nel 1567, viene pubblicata una raccolta di "Rime degli Accademici Eterei". Numerose altre rime furono, poi, raggruppate nelle "Rime e Prose" (1581). Durante la reclusione a Sant'Anna, Tasso si concentra nel riordinare l'intera sua composizione lirica, terminando l'operazione con la pubblicazione della "Prima parte delle Rime" (1591). Concluse nel 1593 con un'ultima raccolta: la "Seconda parte delle Rime". (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Oct 7, 1571

    Battaglia di Lepanto: è arrestata l'avanzata dei turchi verso Occidente

    Battaglia di Lepanto: è arrestata l'avanzata dei turchi verso Occidente
    Battaglia navale tra la flotta della Lega Santa, organizzazione militare costituita da papa Pio V, e quella dell'Impero Ottomano. Vittoria della flotta cristiana.
  • 1572

    Tasso si pone al servizio del duca Alfonso II d'Este

    Tasso si pone al servizio del duca Alfonso II d'Este
    In questo periodo, nonostante si sia posto al servizio del duca, non si trova impegnato in particolari incombenze pratiche e, così, può liberamente dedicarsi alla poesia.
  • Aug 24, 1572

    "Notte di san Bartolomeo": eccidio degli ugonotti in Francia

    "Notte di san Bartolomeo": eccidio degli ugonotti in Francia
    La parte cattolica di Parigi e, simbolicamente, tutti i cattolici in Francia si scagliano contro gli ugonotti (calvinisti). Principale motivazione: intolleranza religiosa.
  • 1573

    Tasso scrive l' "Aminta" (elemento aggiunto)

    Tasso scrive l' "Aminta" (elemento aggiunto)
    Tasso, nel 1573, compone un testo drammatico collegato al genere delle favole (nel senso latino del termine "fabula", ovvero di una composizione drammatica da rappresentare in scena), l' "Aminta". L'opera si collega anche alla tradizione della poesia pastorale o "bucolica" (dal lat. bucolĭcus, <<pastorale>>),sviluppatasi nella letteratura curtense del Quattrocento e Cinquecento, con Lorenzo de' Medici (ad esempio, "Il lamento di Corinto) e Angelo Poliziano (ad esempio, nella "Favola di Orfeo").
  • 1573

    Tasso inizia a comporre una tragedia: il "Galealto re di Norvegia"

    Il "Galealto re di Norvegia" era stata lasciata incompleta da Tasso, che, dopo la liberazione da Sant'Anna, riprende la sua stesura modificandola integralmente; l'opera rielaborata, infatti, prenderà il titolo di "Re Torrismondo" e sarà pubblicata a Bergamo nel 1587. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1575

    Emergono in Tasso i primi segni di un malessere psicologico

    Tasso è fortemente preoccupato che la sua opera non rispetti i canoni letterari e religiosi del tempo, per questo, nel tentativo di renderla perfetta, revisiona assiduamente il suo operato. Divorato da forti dubbi ed insicurezze, si reca a Roma per sottoporre l'opera al giudizio di celebri letterati, che, irriverentemente, muovono molteplici critiche all'opera, facendo precipitare Tasso nella desolazione. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1577

    Guerre di religione si diffondono in tutto il territorio dell'Europa centro-settentrionale

    Numerose guerre tra cattolici protestanti e cristiani infiammano l'Europa cinquecentesca.
  • 1577

    La forte crisi religiosa del poeta

    La forte crisi religiosa del poeta
    Tasso, assillato da forti insicurezze sulla propria ortodossia religiosa, volontariamente si sottopone all'Inquisizione di Ferrara, che, naturalmente, lo assolve; questo, tuttavia, non pose fine ai dubbi e alle preoccupazioni del poeta. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1577

    Tasso soffre di manie di persecuzione, incarcerazione al convento di San Francesco

    Il poeta viene incarcerato nel convento di San Francesco dopo l'aggressione di un servo, sospettato di spiarlo. Il poeta riuscirà a fuggire e a rifugiarsi presso la sorella, a Sorrento.
  • 1577

    La fuga dal convento e il rifugio a Sorrento

    Tasso, dopo essere fuggito dal dal convento di San Francesco, si rifugia dalla sorella a Sorrento; qui, metterà alla prova l'amore della sorella per lui, presentandosi sotto mentite spoglie e comunicandole la morte del fratello (Tasso). (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Period: 1577 to 1578

    Tasso, un poeta in costante viaggio

    Dopo essere tornato a Ferrara da Sorrento, Tasso soggiorna a Mantova, a Urbino e, poi, a Torino.
  • 1579

    Il ritorno di Tasso a Ferrara e la crisi nervosa del poeta

    Tasso ritorna presso la corte estense di Ferrara, ma, non trovando la calorosa accoglienza che si aspettava, da di matto di fronte a tutti i cortigiani, riunitisi, tra l'altro, per le terze nozze del duca Alfonso con Margherita Gonzaga; questo provoca la reclusione del poeta a Sant'Anna.
  • 1579

    La reclusione presso l'ospedale di Sant'Anna, la stesura dei "Dialoghi"

    La reclusione presso l'ospedale di Sant'Anna, la stesura dei "Dialoghi"
    La sua reazione gli provoca la reclusione forzata presso l'ospedale di Sant'Anna, dove rimane per sette anni. Qui, nonostante l'aggravarsi delle sue condizioni psichiche, Tasso non interrompe la sua produzione letteraria, scrivendo numerose rime e gran parte dei "Dialoghi". (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Period: 1579 to

    L'epistolario di Torquato Tasso

    Tasso, durante il periodo di reclusione presso Sant'Anna, compone numerose lettere, dove emergono il forte dissidio, la sofferenza e la malinconia del poeta. La materia dolorosa viene, tuttavia, elevata e raffinata dai moduli stilistici e letterari utilizzati. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1580

    Tasso pubblica l' "Aminta"

    Tasso pubblica l' "Aminta"
    Prima della sua pubblicazione, l'opera era stata messa in scena solo presso i giardini dell'isola del Belvedere (sul fiume Po), luogo dedicato al diletto appartenente alla famiglia estense. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • 1581

    Pubblicazione della "Gerusalemme liberata" a Ferrara

    Pubblicazione della "Gerusalemme liberata" a Ferrara
    Nel 1581 Tasso pubblica "Gerusalemme liberata", il cui testo, diverso dalla seconda edizione del 1584 di Scipione Gonzaga, è lo stesso che, ad oggi, si legge. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Scipione Gonzaga pubblica, senza il consenso di Tasso, la "Gerusalemme"

    Tasso è profondamente infastidito da ciò, poiché l'opera, oltre che senza il suo consenso, è stata pubblicata in un'edizione scorretta e, soprattutto, incompleta. L'opera, nonostante il grande successo, viene criticata dai sostenitori di Ariosto, che ritengono di maggior spessore il "Furioso"; Tasso, allora, compone un' "Apologia della <<Gerusalemme liberata>>, concentrandosi, poi, su un'integrale revisione dell'opera. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Tasso, preso in custodia dal duca Vincenzo Gonzaga di Mantova, viene liberato

    Tasso, preso in custodia dal duca Vincenzo Gonzaga di Mantova, viene liberato
    Il poeta viene liberato e preso in custodia dal duca Vincenzo Gonzaga di Mantova presso la sua corte; nonostante ciò, a causa della sua irrequietezza, non resta per molto tempo a Mantova e presto ricomincia il suo peregrinare.
  • Papa Sisto V consolida i poter del Sant'Uffizio

    Papa Sisto V consolida i poter del Sant'Uffizio
    Il Sant'Uffizio era l'organo preposto alla repressione del dissenso religioso.
  • Tasso rielabora la "Gerusalemme"

    Tasso rielabora la "Gerusalemme"
    Il poeta, a causa delle sue forti insicurezze e di alcune critiche, ricompone il poema, ripubblicandolo con il titolo di "Gerusalemme conquistata".
  • Papa Clemente VIII propone l'incoronazione poetica a Tasso

    Papa Clemente VIII propone l'incoronazione poetica a Tasso
    Tasso non riceve l'incoronazione, poiché, ammalatosi gravemente, è costretto a ritirarsi presso il convento di Sant'Onofrio sul Gianicolo. (ELEMENTO AGGIUNTO)
  • Tasso muore a Roma

    Il poeta, ammalatosi gravemente, si deve ritirare presso il convento di Sant'Onofrio sul Gianicolo (Roma), dove muore.