Italia Mesolitica e Neolitica

Timeline created by TimeSte
In History
  • 10,000 BCE

    Inizio periodo Mesolitico

    Inizio periodo Mesolitico
    Si elaborano tecniche sofisticate di lavorazione della pietra (microlitica), piccole schegge di selce fissate a manici in legno o in osso sono utilizzate per costruire utensili per la caccia e la raccolta dei vegetali.
    Sviluppo delle armi da lancio e in particolare si generalizza l'impiego dell'arco e della freccia. Cambiamenti climatici, scomparsa di grandi animali come il mammut. Crescita demografica senza precedenti.
    Le abitazioni sono costituite da capanne che formano villaggi.
  • Period:
    10,000 BCE
    to
    6,000 BCE

    Mesolitico

  • 9,000 BCE

    Scheletro Amsicora

    Scheletro Amsicora
    Più antico scheletro completo ritrovato in Sardegna risalente al Mesolitico. (Su Pistoccu-Marina di Arbus)
  • 8,000 BCE

    Grotta di Su Coloru

    Grotta di Su Coloru
    Importante ritrovamento di ossa umane nella Grotta di Su Coloru risalenti al 9000 a.c. (Sassari). Si tratterebbe di popolazioni provenienti dall'arcipelago toscano portatrici della facies detta "Epipaleolitico indifferenziato", giunte in Sardegna e in Corsica via mare, attraverso rudimentali imbarcazioni.
  • 6,000 BCE

    Inizio Neolitico in Sardegna e Centro Italia

    Inizio Neolitico in Sardegna e Centro Italia
    Veloce sviluppo nell'isola della Cultura della ceramica cardiale grazie allo sfruttamento dei giacimenti di ossidiana del Monte Arci (uno dei pochi del mondo Mediterraneo). La Sardegna diventa uno dei centri neolitici più ricchi insieme a Pantelleria, Lipari e Palmarola.
  • 6,000 BCE

    Cultura di Su Carropu 6000 a.c. - 5250 a.c.

    Cultura di Su Carropu 6000 a.c. - 5250 a.c.
    Diffusa sopratutto in Sardegna e Corsica con influenze nelle penisole italica e iberica. Ceramiche ad impasto grossolano di colore nerogrigio, riferite a ciotole a calotta, olle globoidi e pentole con anse, a maniglia orizzontale oppure con bugne forate, decorate con singolari motivi geometrici di tipo cardiale, insieme a strumenti litici di forma geometrica come bulini e raschiatoi fabbricati con ossidiana. Economia basata sull'allevamento, la caccia, la pesca.
  • 6,000 BCE

    Cultura della ceramica impressa Ligure

    Cultura della ceramica impressa Ligure
    Variante regionale della cultura della ceramica cardiale. I manufatti in ceramica sono di impasto grossolano di colore grigio o rossiccio, hanno forme che comprendono vasi a fiasco, tazze emisferiche con prese e ciotole sferoidali con il bordo decorato a tacche. Oltre alle industrie litiche di tradizione mesolitica compaiono le asce in pietra verde. L'economia si basa sulla raccolta (in particolare di molluschi) caccia e uccellagione, mentre l'agricoltura non sembra ancora del tutto sviluppata.
  • 6,000 BCE

    Villaggio Alba (PIemonte)

    Villaggio Alba (PIemonte)
    ha forti influssi della ceramica impressa ligure e del gruppo del Vhò. La ceramica comprende un gruppo con sintassi decorative collegabili alla facies ligure ed un gruppo con influenze chiaramente padane.
  • Period:
    6,000 BCE
    to
    5,250 BCE

    Su Carropu - Sardegna

  • Period:
    6,000 BCE
    to
    4,700 BCE

    Cultura della ceramica impressa Ligure

  • 5,600 BCE

    Cultura di Fiorano 5600 a.c. - 4800 a.c.

    Cultura di Fiorano 5600 a.c. - 4800 a.c.
    Diffusa in pianura e nella fascia pedemontana dell'Appennino emiliano e del Veneto. In queste ultime zone i villaggi sono prevalentemente posti alla base di conoidi fluviali. Contraddistinta da una grande varietà di forme su ceramica fine comprendente tazze carenate con o senza anse, grandi scodelle a quattro anse, orci globosi e grandi giare decorate. L'industria litica comprende bulini ad incavi e stacchi laterali, grattatoi frontali erti, perforatori, romboidi e microbulini.
  • Period:
    5,600 BCE
    to
    4,800 BCE

    Cultura di Fiorano - Emilia

  • 5,500 BCE

    Inizio Neolitico Sud Italia

    Inizio Neolitico Sud Italia
    Arrivo dal mare della Cultura della ceramica impressa (cardiale), diffusione in Irpinia, Basilicata, Sicilia e Tavoliere delle Puglie.
  • 5,500 BCE

    Cultura di Stentinello - 5500 - 5000 a.c

    Cultura di Stentinello - 5500 - 5000 a.c
    Una delle numerose culture derivate dall'evoluzione della cultura della ceramica impressa. Forme e decorazioni della ceramica compaiono in numerosi siti in Sicilia, nella Calabria centrale e meridionale, nelle Isole Eolie e fino a Malta. Le popolazioni della cultura di Stentinello vissero essenzialmente di agricoltura e di allevamento (pecore e capre). I villaggi, costituiti da capanne, erano concentrati nelle regioni favorevoli all'agricoltura, spesso circondati da fossati circolari.
  • 5,500 BCE

    La Starza (Ariano Irpino)

    La Starza (Ariano Irpino)
    Centro abitato in Campania ininterrottamente dal VI millennio a.c. fino al 900 a.c. Sono stati ritrovati resti di un villaggio con palizzata, utensili, armi, ceramica cardiana, lavori di estrazione da una cava di gesso e una necropoli.
  • Period:
    5,500 BCE
    to
    5,000 BCE

    Stentinello - Sud Italia

  • 5,300 BCE

    Cultura della Grotta Verde 5300 a.c. - 5000 a.c.

    Cultura della Grotta Verde 5300 a.c. - 5000 a.c.
    Presente nella parte nord occidentale della Sardegna, era caratterizzata per la produzione di una varietà di ceramiche di tecnica molto raffinata, incise con poche decorazioni di tipo cardiale mentre abbondavano decorazioni definite "strumentali", ossia ottenute tramite un utensile dentato. Prime raffigurazioni antropomorfe della preistoria sarda e primi geroglifici.
  • 5,300 BCE

    Cultura di Sammardenchia e Fagnigola (Friuli) - 5300 a.c. - 4900 a.c.

    Cultura di Sammardenchia e Fagnigola (Friuli) - 5300 a.c. - 4900 a.c.
    Gruppo di piccoli villaggi che sfruttavano la fertilità del territorio praticando un'agricoltura itinerante. La ceramica ha molte caratteristiche della cultura di Fiorano mentre la produzione litica ha caratteristiche mesolitiche.
  • 5,300 BCE

    Riparo Gaban (Trentino)

    Riparo Gaban (Trentino)
    Il Riparo già abitato nel mesolitico vede la nascita di una popolazione con le caratteristiche tipiche del neolitico italiano.
  • Period:
    5,300 BCE
    to
    5,000 BCE

    Grotta Verde - Sardegna

  • Period:
    5,300 BCE
    to
    4,900 BCE

    Sammardenchia

  • 5,250 BCE

    Cultura di Vho - Piemonte 5250 a.c. - 4450 a.c.

    Cultura di Vho - Piemonte 5250 a.c. - 4450 a.c.
    Gli insediamenti sono posti su aree elevate rispetto alla valle del Po, molto frequenti pozzi, pozzetti ed altri tipi di cavità sparse attorno alle capanne. La ceramica fine ha forme tipo vasi a fruttiera con piede, tazze carenate con ansa e bugne, vasi a fiasco e a forma di tronco di cono con due anse; le decorazioni con cordoni plastici, bugne, impronte digitali, solcature appaiate, motivi incisi a zig zag o a chicco di grano; frequenti gli idoletti in argilla rappresentanti figure femminili.
  • Period:
    5,250 BCE
    to
    4,450 BCE

    Cultura di Vho

  • 5,060 BCE

    Cultura dell'Isolino Virginia (Varese) 5060 a.c. - 3380 a.c.

    Cultura dell'Isolino Virginia (Varese) 5060 a.c. - 3380 a.c.
    Caratteristica della zona lacustre delle prealpi varesine dove le stazioni più conosciute sono l'Isola Virginia e Pizzo di Bodio. La ceramica si presenta con forme tipo vasi a fruttiera, forme ovoidi con bordi estroflessi, vasi con profilo ad S e bordo estroflesso e anse a nastro variamente decorate; le decorazioni variano da incisioni finissime di motivi geometrici generalmente triangolari e decorazioni plastiche tipo bugne, linguette, cordoni impressi e rigonfiamenti sugli orli.
  • Period:
    5,060 BCE
    to
    3,380 BCE

    Isolino Virginia

  • 5,000 BCE

    Colonizzazione dell'Isola di Lipari

    Colonizzazione dell'Isola di Lipari
    Venne colonizzata da poplazioni provenienti dalla Sicilia per sfruttare i giacimenti di Ossidiana
  • 5,000 BCE

    Cultura di Serra d'Alto 5.000 a.c. - 4.000 a.c.

    Cultura di Serra d'Alto 5.000 a.c. - 4.000 a.c.
    Sviluppata e diffusa in Campania, Materano, vari siti del sud Italia e nella parte occidentale della Sicilia. Dedita all'agricoltura e alla pastorizia, produzione di ceramiche di alta qualità, armi e utensili di alta tecnologia. Vi erano grossi cambi commerciali tra tutti i villaggi del sud Italia, la Sicilia, Malta e la Pianura Padana.
  • 5,000 BCE

    Cultura di Filiestru 5000 a.c. - 4700 a.c.

    Cultura di Filiestru 5000 a.c. - 4700 a.c.
    Cultura evoluta composta da genti dedite all'agricoltura, all'allevamento, alla caccia e alla pesca. Vi è la quasi totale scomparsa delle precedenti forme di decorazione vascolare mentre compaiono gli anelloni in pietra verde come in Corsica e nella penisola italiana: probabile che le popolazioni sarde intrecciarono stretti rapporti commerciali con le comunità neolitiche mediterranee grazie al commercio dell'ossidiana (Francia meridionale, nella penisola iberica, in quella italiana e in Sicilia)
  • Period:
    5,000 BCE
    to
    4,000 BCE

    Serra d'Alto - Sud Italia

  • Period:
    5,000 BCE
    to
    4,700 BCE

    Filiestru - Sardegna

  • 4,500 BCE

    Cultura di Diana 4500 a.c. - 3500 a.c.

    Cultura di Diana 4500 a.c. - 3500 a.c.
    Appare alla fine della cultura di Serra d'Alto e fiorì durante i primi secoli del IV millennio a.C. Si trova dal centro a sud della penisola italiana e in Sicilia. La ceramica in stile Diana è presente oltre queste regioni anche nella Pianura Padana. Pastorizia, agricoltura, sfruttamento dell'ossidiana e miglioramento dello stile ceramico. Commerci abbondanti e primo sfruttamento dei metalli in Italia (rame).
  • 4,500 BCE

    Cultura dei vasi a bocca quadrata - Neolitico Medio

    Cultura dei vasi a bocca quadrata - Neolitico Medio
    Diffusa in tutta l'Italia Settentrionale, penetra a fondo fra le popolazioni locali, sostituendo le facies precedenti, non sempre pacificamente. A volte questa cultura soppianta di colpo i gruppi culturali preesistenti;a volte ne assimila solo alcuni elementi, es. decorazioni graffite della ceramica impressa.
    Dedita sia alla coltivazione sia all'allevamento con una forte componente guerriera. Il capo era un allevatore-pastore-guerriero, un capo famiglia che gestiva tutte le attività del gruppo.
  • Period:
    4,500 BCE
    to
    3,500 BCE

    Diana - Centro e Sud Italia

  • Period:
    4,500 BCE
    to
    3,000 BCE

    Cultura dei vasi a bocca quadrata

  • 4,000 BCE

    Cultura di Bonu Ighinu 4000 a.c. - 3400 a.c.

    Cultura di Bonu Ighinu 4000 a.c. - 3400 a.c.
    Cultura prenuragica diffusa sopratutto nella Sardegna occidentale. Gli insediamenti erano in villaggi di case circolari con palizzate e tetti di erbe palustri oppure grotte sempre vicino al mare, a fiumi o a stagni. È considerata la prima cultura in Sardegna ad aver utilizzato le cavità naturali come sepolcri, che costituirono poi piccole necropoli. Introduzione di statuette di figura femminile adiposa, sicuramente raffiguranti la Dea Madre. Miglioramento lavori litici e ornamentali.
  • Period:
    4,000 BCE
    to
    3,400 BCE

    Bonu Ighinu - Sardegna

  • 3,400 BCE

    Cultura di San Ciriaco 3400 a.c. - 3200 a.c.

    Cultura di San Ciriaco 3400 a.c. - 3200 a.c.
    L'economia era prevalentemente agricola; producevano ceramiche di buona qualità, inornate e di colore rosso-bruno, grigio e giallo. Adoravano la Dea Madre, il cui culto è testimoniato dalla presenza nelle sepolture di statuette in "stile volumetrico", e appare per la prima volta la simbologia del Toro (corna taurine).
    In questo periodo vengono introdotte sull'isola le tipiche tombe scavate nella roccia note in sardo come domus de janas che saranno utilizzate fino alla prima età del bronzo.
  • Period:
    3,400 BCE
    to
    3,200 BCE

    San Ciriaco - Sardegna

  • 3,200 BCE

    Cultura di Arzachena 3200 a.c. - 2800 a.c.

    Cultura di Arzachena 3200 a.c. - 2800 a.c.
    Cultura megalitica formatasi nella regione della Gallura nel nordest della Sardegna, per la conformazione dell'isola la zona era molto più vicina alla Corsica che al resto della Sardegna. Per questo fu punto d'incontro tra la popolazione dei Corsi e la cultura di Ozieri. Società guerriera e pastorale, organizzata in gruppi chiusi ed élite, costituiti in una società a aristocratica ed individualistica.I gruppi aristocratici seppellivano i loro morti in monumenti megalitici a forma di circolo
  • 3,200 BCE

    Cultura di Ozieri 3200 a.c. - 2800 a.c.

    Cultura di Ozieri 3200 a.c. - 2800 a.c.
    Prima grande civiltà sarda diffusa in tutta l'isola, organizzata in tanti piccoli villaggi di capanne in pietra con muro circolare e tetto in legno coperto da frasche. Società pacifica e democratica. Vasellame molto evoluto, scambi culturali e commerciali con isole Cicladi e Creta. Culto dei defunti, inumati nelle Domus de janas e ricoperti di ocra rosso (simbolo di vita e rinascita). Due importanti culti: la Dea Madre rappresentata da statuine e il Dio Toro (menhir, fertilità maschile).
  • Period:
    3,200 BCE
    to
    2,800 BCE

    Arzachena - Sardegna

  • Period:
    3,200 BCE
    to
    2,800 BCE

    Ozieri - Sardegna