UN VIAGGIO NELLA STORIA DELL'ARTE. Questo viaggio permette di stupirsi davanti alla grandezza e alla bellezza di opere d'arte, realizzate dai nostri antenati, ancora oggi ammirate e studiate in tutto il mondo.

Timeline created by Benedetti_
  • 35,000 BCE

    Grotta di Chauvet

    Grotta di Chauvet
    Venne scoperta da tre escursionisti francesi nel 1994. È una delle più antiche testimonianze di graffiti e pittura rupestre. Sulle pareti sono rappresentati principalmente animali che gli uomini primitivi desideravano cacciare.
  • Period: 35,000 BCE to 10,000 BCE

    PALEOLITICO

    Il periodo del paleolitico è il primo della preistoria (35000- 10000 a.C), nonché il più antico. Durante questi anni, gli uomini primitivi iniziarono a realizzare le prime forme d’arte, tutte con scopo magico e propiziatorio.
  • 30,000 BCE

    Carnac

    Carnac
    È una delle prime composizioni di menhir; consiste nella presenza di tanti monoliti, incastonati nella terra, che si estendono per chilometri.
  • 22,000 BCE

    Venere di Willendorf

    Venere di Willendorf
    Le veneri sono una delle prime forme scultoree, risalenti al paleolitico, alle quali venivano messe in risalto principalmente le parti del corpo rappresentanti prosperità. Queste piccole statuette venivano realizzate con diversi materiali quali: pietra, osso, avorio o steatite; venivano incastonate nel terreno, affinché generassero un abbondante raccolto.
  • 15,000 BCE

    Stonehenge

    Stonehenge
    Una delle strutture più note di architettura antica; è composta da una sequenza circolare di menhir e dolmen alternati in due cerchi concentrici. Si trova a Stonehenge in Inghilterra, oggi luogo di visita di moltissimi turisti, stupiti davanti alla grandezza di questi massi nel terreno.
  • Period: 10,000 BCE to

    NEOLITICO

    Il Neolitico è l'ultimo periodo della preistoria. È caratterizzato principalmente: dalla levigazione della pietra, divenuta una tecnica molto raffinata; dalle prime forme di insediamenti sedentari delle popolazioni, che iniziano a dare vita a villaggi; dall'invenzione della ceramica, importante per la realizzazione di vasi e suppellettili e per la costruzione delle prime forme architettoniche.
  • Period: 10,000 BCE to 8000 BCE

    MESOLITICO

    Il mesolitico è il secondo periodo della preistoria.
    Gli uomini primitivi iniziarono ad insediarsi stabilmente nei territori, dando vita a veri e propri villaggi; inoltre, incominciarono ad utilizzare le armi per cacciare animali giganteschi come i mammut.
  • Period: 4000 BCE to 2000 BCE

    SUMERI

    I Sumeri si insediarono nella Mesopotamia meridionale e fondarono le prime grandi città della storia antica, quali: Ur, Uruk, Lagash e Umma. Per le molte opere urbanistiche che realizzarono, vennero definiti "civiltà urbana o monumentale". Avevano grandi città cinte da mura rafforzate da torri, tanto che venivano considerate delle vere e proprie città-stato.
  • Period: 4000 BCE to 627 BCE

    ASSIRI

    L'impero assiro si formò in Mesopotamia, durante l'epoca dei Sumeri; tuttavia iniziò ad emergere come potenza, solo a partire dal 1100 a.C, quando venne fondato lo Stato con capitale Assur. Il popolo venne enormemente caratterizzato dall'organizzazione militare e dall'istinto combattivo, temuto da tutti i popoli. Proprio per il loro carattere aggressivo e guerriero, le loro città avevano l'aspetto di vere e proprie fortezze.
    L'impero assiro iniziò a decadere lentamente a partire dal 627 a.C.
  • Period: 3007 BCE to 30 BCE

    EGIZI

    La civiltà egizia nasce e si sviluppa lungo il corso del fiume Nilo, in Egitto. La sua storia è molto duratura, tanto che si prolunga per 31 dinastie di faraoni, succedutesi tra il 3007 a.C e il 30 a.C, determinando tre grandi periodi di splendore artistico e culturale: Antico regno o età delle piramidi, Medio Regno o Primo impero tebano e Nuovo regno o Età dei templi.
    Gli Egizi furono un popolo unico e irripetibile, sia per la loro longevità sia per l'evoluzione artistica, ancora oggi visibile.
  • 3000 BCE

    Ziggurat di Ur

    Ziggurat di Ur
    Una delle più antiche ziggurat parzialmente rinvenute . Questo monumento era dedicato al dio della luna, Nanna, al quale era dedicato il tempietto sull’estremità della grande montagna a gradoni.
  • 2650 BCE

    Piramide di Djoser

    Piramide di Djoser
    La più antica piramide a gradoni di tutto il tempo; era formata da una sequenza di mastabe in pietra calcarea poste l’una sopra l’altra in progressione. La piramide venne realizzata dal primo architetto della storia, Imhotep. Come si era soliti realizzare nelle mastabe, anche nella piramide la camera per la sepoltura era posta sotto terra, mentre la parte superficiale interna era completamente piena.
  • 2585 BCE

    Piramide di Cheope

    Piramide di Cheope
    Prima tipologia di piramide a facce lisce in pietra calcarea, ricoperta da lastre di calcare bianco, provenienti dalle cave di Tura. È la più antica piramide situata nella piana di Giza e quella dedicata al faraone Cheope. Al contrario delle prime piramidi, la camera per la sepoltura era situata al centro della struttura.
  • 2525 BCE

    Sfinge

    Sfinge
    Statua gigantesca della piana di Giza. È posta come protezione di una delle tre piramidi, quella di Chefren; si pensa infatti, che la sfinge sia stata ricavata da una collinetta già presente nel territorio; metà raffigura un corpo di leone accovacciato e metà la testa di uomo, rappresentante, alcuni dicono, proprio il re Chefren, che la fece erigere.
  • Period: 2500 BCE to 1100 BCE

    CRETESI

    I Cretesi fiorirono sull'isola di Creta, nel mar Egeo, durante lo sviluppo delle civiltà della Mezza Luna Fertile. La loro posizione strategica, fu un punto d'incrocio di molte rotte commerciali, necessarie per l'espansione cretese e il loro contatto con altri popoli. Si è soliti dividere la storia della civiltà cretese in quattro periodi convenzionali, che ne determinano l'innovazione artistica: Periodo Prepalaziale, Periodo Protopalaziale, Periodo Neopalaziale e Periodo Postpalaziale.
  • 2330 BCE

    Mastabe di Saqquara

    Mastabe di Saqquara
    Tomba monumentale risalente alle prime dinastie faraoniche. Venivano inizialmente utilizzate per le sepolture dei re e delle loro famiglie, mentre successivamente, vennero impiegate per i dignitari di corte. Le mastabe venivano poste nella parte orientale della città, così detta “città dell’eternità”, in corrispondenza al regno di Amenti.
  • 2120 BCE

    Statuetta di Gudea

    Statuetta di Gudea
    Statuetta in diorite, dedicata a uno fra i più noti governanti di Lagash. Il personaggio figurato, viene rappresentato con una lunga veste ricamata con scritte cuneiformi, un cappello circolare e una posizione stante, tipica del tempo. Nelle mani, il re tiene una brocchetta da cui fuoriescono due rigoli d’acqua, simbolo delle opere di irrigazione che aveva realizzato durante il suo regno. Le caratteristiche della scultura mostrano l’importanza che il re aveva all’interno della società.
  • 1760 BCE

    Stele di Hammurapi

    Stele di Hammurapi
    La stele è in basalto, alta 225 cm, sulla quale il potente re Hammurapi, aveva scritto 282 leggi in caratteri cuniformi, rappresentanti la prima forma di applicazione del diritto. Nella parte superiore della stele, è rappresentato lo stesso re, che riceve una tavola dal dio Shamash, dio della giustizia e trionfatore sulle tenebre.
  • 1700 BCE

    Palazzo di Cnosso

    Palazzo di Cnosso
    Un vero e proprio palazzo-città all’interno del quale si narra vivesse un Minotauro, essere mostruoso, protetto dallo stesso re della città e sfamato, ogni anno, con i fanciulli offerti dalle colonie limitrofe. Il palazzo offriva tutti i servizi necessari per le persone che vi abitavano. Inoltre, le parti esterne, decorate finemente con colonne, sormontate da capitelli a toro, erano adibite ai riti sacri. Il palazzo di Cnosso è riccamente decorato con pitture parietali e suppellettili.
  • Period: 1700 BCE to 1500 BCE

    BABILONESI

    I Babilonesi, insediatisi in Mesopotamia, iniziarono a formarsi dopo la caduta dei Sumeri. Il nome del popolo prende ispirazione da una delle città più importanti del mondo antico: Babilonia.
    Questa civiltà fu nota, tra i popoli antichi, anche per la realizzazione dei giardini pensili, considerati una delle sette meraviglie del mondo antico.
  • Period: 1600 BCE to 1100 BCE

    MICENEI

    I Micenei furono gli eredi della civiltà cretese e i promotori di quella greca. Il loro nome deriva da una delle città più potenti del Peloponneso: Micene.
    Sono molte le cause che diedero vita a questa civiltà come: l'essere al centro di grandi vie economiche di transito; il trasferimento in Grecia di artigiani e artisti cretesi e l'influenza esercitata proprio da Creta sulla penisola.
    Per convenzione, la storia micenea è divisa in: Miceneo antico, Miceneo Medio e Miceneo tardo.
  • 1550 BCE

    Tazza di Vafio

    Tazza di Vafio
    La tazza d’oro di Vafio venne trovata in Laconia, nella tomba di Vafio. Presenta una parte esterna decorata, con scene in rilievo, di un toro che travolge due uomini.
  • 1550 BCE

    Maschera di Agamennone

    Maschera di Agamennone
    Molto spesso venne messa in discussione la realizzazione di questa maschera d’oro, che come tradizione veniva modellata direttamente sul volto del morto. La maschera di Agamennone presenta delle linee molto decise, che compongono la folta barba, i baffi e le sopracciglia. Vi è anche una linea marcata che mostra la separazione tra le due palpebre.
  • 1500 BCE

    Dea dei serpenti

    Dea dei serpenti
    Le Statuette volitive delle dee dei serpenti, sono in ceramica smaltata e raffigurano le divinità ctonie, cioè protettrici della terra. Queste indossano un abito a falde, bloccato sui fianchi da uno stretto corpetto dal quale ricade una gonna a balze di stoffa molto pesante. La statuetta stringe nelle mani due serpenti. Si può notare, come alcune forme, ad esempio quelle del seno prosperoso, siano riprese dalle veneri preistoriche.
  • 1450 BCE

    Tesoro di Atreo (Tomba di Agamennone)

    Tesoro di Atreo (Tomba di Agamennone)
    Una delle più celebri architetture funerarie a Tholos. La tomba si trova a Micene ed è costruita sotto un cumulo di terra, al quale si giungeva tramite un lungo corridoio. L’ingresso della tholos è per la maggior parte andato perso; originariamente presentava una lastra decorata con motivi a spirale, retta da due colonnine anch’esse decorate. Oggi non resta che la sola architrave. All’interno della tholos vi è una decorazione fatta con rosette di bronzo a imitazione del cielo stellato.
  • 1350 BCE

    Tempio di Amon a Karnak

    Tempio di Amon a Karnak
    Tempio divino, dedicato ad Amon, dio del cielo e della fecondità. Situato nei pressi di Tebe, sulla riva orientale del Nilo, il tempio è noto per il suo accesso: una lunga via degli Dei, fiancheggiata da ambedue i lati da quaranta monumentali sfingi di pietra, con corpo di leone e la testa di ariete.
  • 1340 BCE

    Busto della regina Nefertiti

    Busto della regina Nefertiti
    È una scultura che raffigura in primo piano la testa della regina Nefertiti, moglie del re Akhenaton. La regina viene rappresentata in tutta la sua bellezza: lineamenti perfetti, collo lungo e trucco tipico del tempo che esalta ulteriormente le forme del volto. Il busto della regina è completamente realizzato in calcare decorato con colori naturali.
  • 1325 BCE

    Maschera funeraria di Tutankhamon

    Maschera funeraria di Tutankhamon
    Maschera funeraria d’oro e lapislazzuli, creata per il re Tutankhamon. Rispetto alle reali fattezze del re, identificate attraverso i mezzi tecnologici, la maschera presenta forme molto fittizie. La maschera presenta un nemes a righe con i simboli regali dell’avvoltoio e dell’ureo, una barbetta posticcia e degli scettri, simbolo di potere.
  • 1300 BCE

    Porta dei leoni

    Porta dei leoni
    Situata all’ingresso della città-fortezza di Micene, la porta dei leoni era costituita da due stipiti incastonati nel terreno e a contatto con la soglia, che sorreggevano un architrave. L’elemento orizzontale del complesso sosteneva nel triangolo di scarico, sul quale erano state scolpite a rilievo due leonesse, con le zampe anteriori appoggiate su una colonnina di tipo minoico.
  • 1250 BCE

    Tempio di Amon Ra ad Abu Simbel

    Tempio di Amon Ra ad Abu Simbel
    È uno dei templi fatti costruire da Amon Ra, per esaltare la propria figura e far si che tutte le sue opere permanessero anche nella mente delle generazioni successive. All’ingresso del tempio, infatti, sono presenti quattro statue altre 22 metri raffiguranti Ramses II ,seduto sul trono ,la tipica posizione regale. Nel 1968 il tempio venne spostato dalla sede principale, per evitare il pericolo inondazioni.
  • Period: 1100 BCE to 750 BCE

    PERIODO DI FORMAZIONE

    Il primo periodo della civiltà greca è anche noto come periodo di formazione o periodo geometrico; questo è caratterizzato in particolare dalla diffusione di suppellettili quali vasi o ceramiche, decorate con motivi geometrici e lineari.
    Questo periodo viene anche chiamato "Medioevo ellenico", poiché influenzato dalla calata dei Dori e dalla fondazione di nuove città.
  • Period: 1100 BCE to 31 BCE

    GRECI

    I Greci iniziarono a formarsi durante il 1100 a.C in Grecia.
    Il loro popolo fu conosciuto in tutto il mondo antico per aver abbandonato i condizionamenti imposti dalla magia e dalla religione, e aver iniziato a maturare una libera espressione dell'intelletto umano e a ricercare la bellezza, l'equilibrio e la perfezione.
    Per la complessità del loro sviluppo, la storia greca viene convenzionalmente divisa in: Periodo di formazione, Periodo arcaico, Periodo classico e Periodo ellenistico.
  • 1000 BCE

    Sarcofago di Henettawy

    Sarcofago di Henettawy
    È un insieme di tre sarcofagi a forma antropomorfa posti l’uno dentro l’altro, in legno e riccamente decorati con colori pittorici e scrittura geroglifica. Questo era dedicato alla giovane cantante di Amon-Ra.
  • 713 BCE

    Dur-Sharrukin

    Dur-Sharrukin
    Città situata a nord di Ninive , eretta e voluta da Saragon II, tanto che il nome significa proprio “fortezza di Saragon”. Le mura, di cui la città era cinta, comprendevano un ampio territorio, al cui centro vi era la gigantesca ziggurat. A proteggere l’entrata alla cittadella vennero posti due animali mostruosi, fatti in pietra: i Lamassù.
  • Period: 700 BCE to 50 BCE

    ETRUSCHI

    Nella civiltà etrusca, ogni forma artistica aveva sempre un significato religioso. Questi, di fatto, non arrivarono mai a considerare l’arte come libera attività dello spirito, anzi, si sentirono sempre costretti a dare vita ad opere d’arte solamente per accontentare il volere degli Dei.
  • Period: 700 BCE to 480 BCE

    PERIODO ARCAICO

    Durante questo periodo, i Greci iniziarono a realizzare le prime forme architettoniche dei templi e le sculture, raffiguranti la figura umana.
    Questo secondo lasso temporale ,viene caratterizzato dalla vittoria dei Greci sui Persiani nella battaglia di Salamina.
    Per convenzione, questo periodo, viene diviso in: Primo arcaico, Arcaico maturo e Arcaico tardo.
  • 610 BCE

    Kleobi e Bitone

    Kleobi e Bitone
    Una coppia di Kuroi in marmo di Paro, raffiguranti due giovani ragazzi, figli di una sacerdotessa di Hera. Entrambi presentano una posizione stante, con il piede sinistro leggermente avanti rispetto all’altro e con le braccia lungo i fianchi chiuse in un pugno. La capigliatura ricade in dodici trecce molto ordinate, gli occhi a mandorla, sono in grado di celare mistero, tipico taglio utilizzato dagli egizi. Le due sculture mostrano la serenità interna, tipica del periodo della scultura dorica.
  • 600 BCE

    Tomba della Montagnola

    Tomba della Montagnola
    Essa costituisce uno degli esempi più famosi di tomba a tholos, con camera circolare; l’accesso era reso possibile da un’interruzione orientata ad Est, che permetteva l’imbocco di un dromos scoperto, che a sua volta portava ad un atrio rettangolare. Dal lato ovest dell’atrio si arrivava nella camera sepolcrale a tholos.
  • 575 BCE

    Porta di Ishtar

    Porta di Ishtar
    Una delle nove porte monumentali, che garantivano l’accesso alla nuova Babilonia. Era la porta situata a nord e dedicata all’Ishtar, dio dell’amore e della guerra. La porta conduceva direttamente al centro della città, attraverso una delle vie più importanti, quella utilizzata per le processioni. Inoltre, rappresenta un monumentale esempio di applicazione di una tecnica innovativa, ossia quella della ceramica invetriata.
  • 565 BCE

    Moschophoros

    Moschophoros
    Scultura in marmo che rappresenta un kuros, portante un vitellino sulle spalle. Il giovane indossa una chlaina, tipico mantello greco, che lascia intravedere le forme del corpo. Il korus ha una barbetta liscia a frangia, secondo la moda arcaica, l’acconciatura inoltre presenta capelli ondulati, raccolti in trecce. Importante è considerare l’evoluzione avuta nella scultura attica, dove si mostra l’analisi della complessità degli schemi.
  • 550 BCE

    Sarcofago degli Sposi

    Sarcofago degli Sposi
    Nei coperchi di diversi sarcofagi, accanto al defunto veniva anche rappresentata la moglie, nonostante questa non fosse necessariamente all’interno di esso. Questo, veniva generalmente fatto affinché, intorno alla salma si creasse un ambiente nel quale potersi più agevolmente rasserenare dopo la morte. Di questi Sarcofagi degli Sposi, sono rimasti molti esemplari sia in terracotta che in pietra; uno dei meglio conservati è esposto a Roma nel Museo Nazionale Etrusco.
  • 550 BCE

    Anfora dipinta a figure nere

    Anfora dipinta a figure nere
    Il vaso a figure nere su sfondo chiaro, è realizzato da Exechias. Sull'anfora sono raffigurate due scene: da una parte Achille che uccide Pentesilea e dall'altra Dionisio e Oinopion.
    Nel primo si vede Achille, valido eroe greco, che completamente ricoperto da una robusta armatura, uccide una giovane donna. Dall'altro lato, invece, viene raffigurato il dio dell'ebrezza che reca in una mano l'uva e dall'altra un' anfora che porge al figlio. Le due scene sono divise da spirali calligrafiche.
  • 545 BCE

    Korus di Milo

    Korus di Milo
    Statua in marmo raffigurante la dea Hera o una fanciulla offerente. La statua è cilindrica, in posizione stante. Ella indossa un chitone di lino molto lungo, che lascia trapelare solo i piedi. Il braccio destro è steso lungo il fianco, mentre l’altro sorregge un dono. È notevole osservare come il tessuto del chitone e quello del himation, un panno di lana, con una cadenza e telatura differente si equilibrino uniformemente, dando alla statua una certa grazia e continuità.
  • 530 BCE

    Tomba del Bronzetto dell’Offerente

    Tomba del Bronzetto dell’Offerente
    Il monumento è una delle tombe ad edicola, ossia costruite interamente fuori terra, meglio conservate. L’edificio, di pianta rettangolare, è ricoperto da lastre monolitiche di panchina.
  • 510 BCE

    Il Sonno e la Morte che sollevano il corpo di Sarpedonte sotto la direzione di Ermes

    Il Sonno e la Morte che sollevano il corpo di Sarpedonte sotto la direzione di Ermes
    La decorazione del vaso si articola su tre registri che percorrono l'intera circonferenza dello stesso. In particolare, la narrazione principale, occupa più della metà dello spazio a disposizione.
  • 480 BCE

    Efebo

    Efebo
    Appartenente allo stile severo, questa statua è caratterizzata dalla leggera rotazione della testa verso destra e dall’avere il proprio peso sulla gamba sinistra arretrata. La posizione assunta della statua è molto innovativa. Proprio in questo periodo, infatti, gli artisti si posero per la prima volta il problema dell’equilibrio e della gravitazione.
  • 464 BCE

    Afrodite Cnidia

    Afrodite Cnidia
    Scolpita da Prassitele ateniese, Afrodite Cnidia è il primo esempio di statua in cui viene rappresentata una dea completamente nuda, ripresa in procinto di fare un bagno. Il corpo sinuoso è a “S” e nella sua mano stringe un panno, posto su un’anfora, parte integrante della composizione.
  • 460 BCE

    Metope del Tempio di Zeus

    Metope del Tempio di Zeus
    Nelle metope del tempio di Zeus ad Olimpia, sono rappresentate le dodici fatiche di Eracle. All'eroe, secondo la tradizione, era stato ordinato da Euristeo, per mezzo dell'oracolo di Delfi, di compiere dodici imprese, come punizione per aver ucciso i figli.
    Nella metopa sotto riportata, viene rappresentata la scena della lotta tra Ercole e il toro.
  • 455 BCE

    Discobolo

    Discobolo
    In questa statua, una delle più famose dell’antichità, l'atleta è colto nel momento di massima concentrazione che precede il lancio del disco. La copia originale di quest’opera, andata perduta, era di bronzo. Tra le diverse copie marmoree romane, quella più fedele all’originale è il Discobolo “Lancellotti”.
  • 450 BCE

    Bronzi di Riace

    Bronzi di Riace
    Le due statue, meglio conosciute come Bronzo A e Bronzo B, sono state scoperte a Riace Marina nel 1972. In particolare, il Bronzo A raffigura un giovane guerriero, privo di armi, con una folta barba, rappresentato con spalle larghe e con una mano lungo il fianco. Il Bronzo B, invece, raffigurato nella medesima posizione dell’altra statua, presenta una maggiore inclinazione nella linea alba.
    Inoltre, è bene ricordare che le sculture sono state realizzate da artisti differenti, ma contemporanei.
  • 450 BCE

    Lupa Capitolina

    Lupa Capitolina
    Diventata fin dall’antichità simbolo di Roma, la scultura è stata realizzata tramite la fusione in bronzo del tipo a cera persa.
    L’opera rappresenta una lupa e i due gemelli, Remo e Romolo, che secondo la tradizione, sono ripresi nell’atto di farsi allattare dall’animale.
    Mentre la lupa è stata realizzata dal popolo etrusco, al contrario, i bambini vennero aggiunti solo in seguito durante il Rinascimento.
  • Period: 450 BCE to 350 BCE

    ETA' CLASSICA

    Il periodo della Grecia classica, durò circa 200 anni, dal V al IV secolo a.C. Quest’epoca viene considerata di fondamentale importanza dagli storici, poiché ha influenzato notevolmente la civiltà occidentale. Gran parte della moderna politica, del pensiero artistico e scientifico, del teatro, della cultura e della filosofia, infatti, derivano da questo periodo di storica greca.
  • 447 BCE

    Partenone

    Partenone
    É il tempio più importante ed imponente di Atene, dedicato ad Athena Vergine, di ordine dorico e periptero.
    Il naos, è composto da tre navate, originate da due file di colonne doriche. Sul lato Ovest del tempio, un doppio ordine di colonne legava quelle di sinistra con quelle di destra, dando vita ad un suggestivo scenario, ulteriormente abbellito dalla statua criselefantina, rappresentante la Dea Atena; questa venne realizzata da Fidia, all’interno della cella.
  • 445 BCE

    Doriforo

    Doriforo
    Policleto, autore della statua, viene considerato l’unico artista ad aver teorizzato l’arte con una propria opera.
    Nel Doriforo, infatti, sono presenti tutte le sue regole esposte nel canone policleteo.
    L’atleta viene rappresentato gravitante sulla gamba destra, mentre quella sinistra, che non sostiene il peso, è leggermente piegata all’indietro. Di conseguenza, a causa dell'estensione completa della gamba, il bacino è leggermente sollevato a destra e il busto inclinato di lato.
  • 443 BCE

    Inizio ricostruzione dell’Acropoli di Atene

    Inizio ricostruzione dell’Acropoli di Atene
    L'Acropoli, dopo essere stata distrutta dai Persiani, venne piano piano ricostruita. I suoi elementi principali erano i Propilei, il tempietto di Athena Nike, l’Eretteo e il Teatro di Dioniso.
  • 335 BCE

    Menade Danzante

    Menade Danzante
    Skopas, autore di quest’opera, rappresenta una donna mentre sta danzando. La testa è inclinata indietro e leggermente piegata a lato; la veste, scomposta a causa dei movimenti, si apre lasciando scoperto un lato del corpo.
  • Period: 334 BCE to 30 BCE

    ELLENISMO

    Con il termine ellenismo, si fa riferimento a quel periodo storico compreso tra le grandi conquiste di Alessandro Magno fino al 30 a.C.
    Il condottiero macedone, dopo aver conquistato nuove terre, era solito influenzare la cultura locale con quella greca.
    Gli artisti, inoltre, iniziando a viaggiare, portarono alla nascita del cosmopolitismo. Questi incominciarono a rappresentare non solo l’ethos dell’uomo, ossia la nobiltà d’animo, ma anche il pathos, cioè anima e passioni.
  • 320 BCE

    Apoxyomenos

    Apoxyomenos
    In questa scultura è possibile ritrovare tutta l’innovazione dell’artista che l’ha realizzata: Lisippo. Egli, infatti, fu uno dei primi scultori, se non il primo, ad affermare che non era necessario rappresentare un modello ideale, ma quanto si poteva osservare in natura. Nell’apoxyomenos, il giovane viene raffigurato, non durante una competizione o il momento della premiazione, ma subito dopo la gara, mentre si toglie il sudore e l’olio dal corpo con lo strigile.
  • 250 BCE

    Porta all’arco di Volterra

    Porta all’arco di Volterra
    La porta è realizzata con blocchi di tufo sovrapposti e si inserisce nella cinta muraria di Panchina, dando accesso alla città. Inoltre, nel concio di chiave e all’inizio dell’arcata sono presenti tre teste, rappresentanti la triade capitolina, secondo alcuni, mentre per altri erano le teste di antichi comandanti sconfitti dal popolo.
  • 250 BCE

    Ombra della Sera

    Ombra della Sera
    È una statuetta di bronzo di struttura filiforme, quasi sicuramente di carattere votivo. Questa rappresenta un fanciullo con testa e piedi di giuste proporzioni, ma arti e busto troppo lunghi. Il nome della statuetta venne proposto da Gabriele D’Annunzio e le sue forme allungate, furono interpretate come un sorta di addio simbolico alla vita terrena.
  • 250 BCE

    La Battaglia di Alessandro Magno

    La Battaglia di Alessandro Magno
    É un mosaico pavimentale pompeiano che rappresenta la Battaglia di Alessandro Magno, combattuta dai Macedoni contro i Persiani.
    Si pensa che l'opera a cui il mosaico è ispirato sia stata realizzata dal famoso artista Apelle.
  • 190 BCE

    Nike di Samotracia

    Nike di Samotracia
    La scultura è definita come una delle più affascinanti creazioni ellenistiche, presumibilmente realizzata per celebrare la vittoria di Rodi sul re di Siria. Essa è protesa verso l’alto, mentre atterra sulla prua di una nave con le ali spiegate. Il vento modella il suo corpo, contro cui si incolla la veste, che mette quindi in evidenza le sue forme.
  • 150 BCE

    Altare di Zeus Soter e Zatte a Nikephoros

    Altare di Zeus Soter e Zatte a Nikephoros
    L'altare è costruito a Pergamo, la cui parte anteriore è esposta al Pergamonmuseum di Berlino. Esso ha una forma quadrangolare, con un lato occupato per la maggior parte da una scalinata. L’altare, inoltre, è decorato con numerose sculture e altorilievi che rappresentavano diversi personaggi, sia mitici che non.
  • 150 BCE

    Laocoonte

    Laocoonte
    L’opera marmorea rappresenta una delle scene di maggior partecipazione emotiva della guerra di Troia. Laocoonte viene colto nel momento di maggior tensione muscolare, mentre cerca di liberare sé stesso e i figli dai serpenti, mandati dalla Dea Atena.
  • 150 BCE

    Ipogeo dei Valumni

    Ipogeo dei Valumni
    L'ipogeo è una tomba a camera interrata, ossia scavata completamente sotto terra, appartenente alla necropoli del Palazzone. L’accesso era reso possibile da una rapida scala, che dava accesso ad un atrio rettangolare, in fondo al quale vi era un portale decorato che portava alla camera sepolcrale principale.
  • 130 BCE

    Venere di Milo

    Venere di Milo
    La scultura è realizzata in due blocchi distinti che si collegano all’altezza delle anche la Venere di Milo è una delle opere più famose dell’ellenismo. La dea, venne rappresentata nuda dal busto in su, mentre la parte inferiore del corpo è coperta da una veste drappeggiata. Il corpo, inoltre, è sottoposto a un movimento di torsione che genera la grazia che la contraddistingue. Dal 1867, è esposta al museo del Louvre in Francia.