Evoluzione cellulari

Timeline created by lorenzoromano_
  • Nokia 1011

    Nokia 1011
    Nokia 1011 È il primo cellulare GSM a conquistare il grande pubblico. Il Nokia 1011 pesava 475 grammi e disponeva di uno schermo Lcd in bianco e nero a due righe e di un'antenna estraibile. Includeva un gran numero di extra, come i messaggi di testo. Il Nokia 1011 opera nella banda dei 900 MHz. La durata della batteria è stimata intorno alle 12 ore in modalità standby ed ai 90 minuti in conversazione. Il menù del telefono è disponibile in dieci lingue
  • IBM Simon

    IBM Simon
    IBM Simon È il primo smartphone della storia, o meglio, un palmare con funzioni di telefonia. Oltre alle funzioni di un normale telefono, Simon includeva anche quelle tipiche di un pda dell'epoca come il calendario, la rubrica, l'orologio, il calcolatore, un blocco note, le e-mail e qualche gioco.
  • Nokia 9000 Communicator

    Nokia 9000 Communicator
    Nokia 9000 Communicator Arriva nel 1996 e dà il via alla categoria dei communicator, linea dedicata a manager e sviluppatori: era tra i primi con tastiera estesa e permetteva di inviare e ricevere le email (al tempo avevano ancora la e nel nome). Era dotato di 8 MB di memoria, di cui 4 dedicati alle applicazioni, 2 ai programmi e 2 per i dati dell'utente
  • Nokia 3310

    Nokia 3310
    Il Nokia 3310 è stato uno dei cellulari più venduti al mondo: si parla di 126 milioni di esemplari. Il successo è dovuto anche al fatto che questo modello fosse estremamente robusto, resistente a qualunque caduta.
  • Nokia 8250

    Nokia 8250
    Il Nokia 8250 è un telefonino prodotto dall'azienda finlandese Nokia e destinato al mercato asiatico. Le dimensioni: 102 x 45 x 19 mm
    Massa: 81 g
    Risoluzione display: 84 x 48 pixel monocromatico
    Durata batteria in conversazione: 3 ore
    Durata batteria in standby: 150 ore (6 giorni)
  • Ericsson T68

    Ericsson T68
    Ericsson T68 Uscito per la stagione natalizia 2001, è il primo cellulare Ericsson con uno schermo a colori. In un'epoca dominata da display super Amoled e retina display, questo piccolo lcd da 256 colori con risoluzione di 101 x 80 pixel fa un po' ridere, ma il l'Ericsson T68 andò letteralmente a ruba a partire dal Natale dei 2001. Pesava inoltre pochissimo (solo 86 g) e offriva pure la connessione Gprs e Bluetooth. Un secondo modello, il T68i, fu lanciato più tardi rimarchiato Sony Ericsson.
  • NEC e606 Tre

    NEC e606 Tre
    NEC e606 Tre è stato la primo operatore a lanciare l'Umts, ovvero la tecnologia di telefonia mobile di terza generazione (3G), e questo modello faceva parte della sua offerta iniziale. Era in grado di fare quello che gli altri cellulari non potevano nel lontano 2003: videochiamate e la navigazione Internet veloce. Peccato che il suo schermo era a bassa risoluzione, la fotocamera non all'altezza della situazione e la batteria durava davvero poco.
  • Motorola RAZR

    Motorola RAZR
    Il Motorola RAZR era sottilissimo (solo 13,9 mm) e super leggero (solo 95 grammi) grazie al telaio in alluminio anodizzato. Un quad-band GSM/GPRS, con doppio schermo (esterno a colori da 96 x 80 pixel e TFT a colori da 2,2 pollici e 176 x 220 pixel), fotocamera VGA con zoom 4X e con un'indole spiccatamente multimediale per l'epoca (2003).
  • Iphone

    Iphone
    Arriva nei negozi americani il 29 giugno e va letteralmente a ruba: Apple ne vende ben 270mila esemplari nelle prime 30 ore. Ampio schermo multi-touch da 3.5 pollici, Wi-Fi e bluetooth, e una marea di applicazioni gratuite e a pagamento per navigare, giocare, inviare mail e ascoltare musica. Ha 4 (0 8) Giga di memoria e la video/fotocamera. Da quel momento i cellulari non saranno più quelli di una volta.
  • Nokia N900

    Nokia N900
    L'innovazione che sta alla base dell'N900, oltre che per le peculiarità hardware (OMAP 3430) con il microprocessore ad ARM-cortex-A8 e il sistema grafico affidato al PowerVR SGX530 e la tastiera QWERTY a scomparsaIl sistema fonda le sue basi sul noto progetto open source Linux, in grado di offrire potenzialità molto maggiori, permettendo il porting di innumerevoli software prima disponibili solo su PC.