616x510 1

Compito di storia colella sathya

  • Le 13 colonie

    Le 13 colonie
    Le 13 colonie conobbero un incremento demografico ed economico, partecipando con profitto a traffico atlantici, ma non vi era libertà economica, sancito dagli Atti di navigazione, secondo cui spettava a Londra il monopolio sui commerci.
  • Primi contrasti fra le colonie e la corona

    Primi contrasti fra le colonie e la corona
    Dopo la guerra dei sette anni, la Gran Bretagna intraprese una politica imperiale più marcata. Con l'aumento dei dazi (1764), Marche da bollo obbligatorie( 1765 stamp act) Che porto ad una serie di manifestazioni pubbliche grazie alle quali lo stamp act fu revocato. A Boston il 16 dicembre 1773 ci fu il Boston tea party, dove i coloni presero d'assalto le navi inglesi a seguito del massacro di Boston del 1770
  • La guerra d'indipendenza americana

    La guerra d'indipendenza americana
    A seguito del primo congresso continentale (1774) e del secondo congresso continentale (1775) a cui vi partecipo anche George Washington, il 4 luglio 1776, una commissione formata da 5 delegati, tra cui Thomas Jefferson e Benjamin Franklin promulgarono La dichiarazione di indipendenza, che affermava che ogni legame fra le colonie e la madrepatria era sciolto. Grazie all'appoggio dell'opinione pubblica europea e del sostegno del Re di Francia si arrivò alla creazione degli Stati Uniti d'America
  • Dichiarazione d'indipendenza americana

    Dichiarazione d'indipendenza americana
    Si riallaccia ai principi chiave del pensiero illuminista: l'uguaglianza fra gli esseri umani, la concezione giusnaturalistica dei loro diritti, dotati di un valore naturale universale e sovrastorico; l'interpretazione contrattualistica dello Stato concepito come il risultato di un patto a tutela di tutti i cittadini.
  • Rivoluzione francese e assemblea degli stati generali.

    Rivoluzione francese e assemblea degli stati generali.
    La società francese era divisa in 3 stati: al vertice vi era il Re, seguito da nobiltà e clero, e infine al terzo stato apparteneva media e alta borghesia (98% della popolazione). Quest'ultima era influenzata dall'illuminismo e prediliva l'uguaglianza. Alla fine del Xvii vi fu una forte crisi economica, che portò ad una grave carestia, arrivando all'assemblea degli stati generali, dove da un lato la nobiltà voleva più privilegi e dall'altro il Terzo stato voleva ottenere l'uguaglianza.
  • Abolizione della feudalità

    Abolizione della feudalità
    Il decreto prevedeva:
    - l'abolizione senza indennità dei diritti di servitù personale (come le residue corvées)
    - l'abolizione con riscatto di canoni e censi, cioè dei prelievi derivanti dalla proprietà signorile
    - l'abolizione delle decime;
    - l'abolizione della venalità delle cariche pubbliche, con risarcimento
    - la cancellazione di immunità fiscali e privilegi per città, province, comunità;
    - il libero accesso di tutti, alle cariche ecclesiastiche, civili e militari.
  • DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL’UOMO E DEL CITTADINO

    DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL’UOMO E DEL CITTADINO
    I rappresentanti del popolo francese hanno stabilito di esporre, in una solenne dichiarazione, i diritti naturali, inalienabili e sacri dell’uomo, affinché questa dichiarazione, rammenti incessantemente i loro diritti e i loro doveri; affinché maggior rispetto ritraggano gli atti del Potere legislativo e quelli del Potere esecutivo; affinché i reclami dei cittadini, abbiano sempre per risultato il mantenimento della Costituzione e la felicità di tutti.
  • Costituzione italiana

    Costituzione italiana
    Approvata dall'Assemblea Costituente ed entrata in vigore il 1º gennaio 1948.
    Considerata una costituzione scritta, rigida, lunga, votata, compromissoria, laica, democratica e tendenzialmente programmatica, consta di 139 articoli (anche se sono stati abrogati gli articoli 115, 124, 128, 129, 130) e di 18 disposizioni transitorie e finali.
  • Corrispondenze con la costituzione italiana

    Corrispondenze con la costituzione italiana
    -L'articolo 1 della nostra costituzione riprende il 1 documento(la sovranità appartiene al popolo e il popolo può modificare il governo) e l'art 3 del documento 3
    -l'art. 3 corrisponde al documento 1 ( tutti gli uomini sono stati creati uguali), al documento 3 (art. 1)
    -art. 13 corrisponde all'art. 7 del documento 3.
    -l'art 21 corrisponde all'art 11 del documento 3
    -l'art 51 invece non corrisponde in quanto non vi era parità di sesso, e lo si può notare dall'art. 11 del documento 2