Storia dell'arte V anno di corso sezione BS

By mrtgrv
  • Period: to

    Giovanni Fattori

    Nato a Livorno è uno studente dell'Accademia di Belle Arti che prese parte ai moti risorgimentali. Si occupa inizialmente di pittura di storia per poi cominciare a prediligere soggetti semplici della vita quotidiana maremmana. Fonda con T. Signorini il movimento artistico dei macchiaioli caratterizzato da soggetti delineati dalla contrapposizione di colori puri che definiscono anche le zone di luce ed ombra. I supporti delle sue opere dipinte en plein air sono spesso tavolette di recupero. DCI
  • Period: to

    Camille Pissarro

    Nasce nelle isole Antille. A dodici anni va a studiare in Francia, dove matura una passione per il disegno e la pittura, ostacolata però dal padre. Giunge a Parigi nel 1855. Da apprendista diventa studente. Conosce diversi artisti (Monet e Cézanne). Durante la guerra Franco-prussiana è vicino a Londra. Torna poi a Parigi e trova molti suoi dipinti distrutti. Si sposa ed ha anche dei figli. Continua a lavorare produttivamente fino a quando non gli si abbassa la vista. Muore a Parigi
  • Period: to

    Edouard Manet

    Nato a Parigi da famiglia benestante, Manet era destinato a divenire un ufficiale di marina, ma, fallendo le ammissioni, si dedicò all'arte, entrando a 18 anni nell'accademia di Thomas Couture, un illustre pittore accademico. Studiò molte opere di artisti giapponesi e spagnoli durante i suoi viaggi e rimase esterno dal gruppo impressionista, il quale però lo ammirava profondamente. Fu uno dei primi a uscire dagli atelier per dipingere la realtà all'aria, ottenendo una grande fama.
    Figini Matteo
  • Period: to

    Paul Cézanne

    Nasce in Provenza da una famiglia ricca. La sua stabilità economica ha condizionato la sua carriera pittorica, in quanto non fu mai obbligato a dipendere economicamente dalla vendita delle sue opere. Frequenta un liceo classico molto tradizionale, ma sposta poi i suoi interessi sull'arte, trasferendosi a Parigi. Qui fa la conoscenza di molti altri pittori impressionisti. Si trasferisce poi nuovamente in Provenza, dove dipinge numerose opere, diventando il ponte tra l'impressionismo e il cubismo.
  • Period: to

    Claude Monet

    Claude Monet nasce a Parigi nel 1840 e muore a Giverny nel 1926. La prima mostra degli impressionisti in cui ci fu anche Monet nel 1874 fu un grande fallimento. Monet però non si fermò e continuò a dipingere. Nel 1889 infatti gli venne concesso di presentare la sua mostra nella Galleria Petit di Parigi, nella quale riscosse molto successo. La sua pittura si basava sull'immediata percezione dei soggetti, in particolare nel rappresentare i paesaggi, con la pittura "en plen air". SM
  • Period: to

    Paul Gauguin

    Nasce a Parigi e si trasferisce in America latina morto il padre.
    Nella sua vita conosce molti artisti tra cui Pizarro dopo aver frequentato l’Accademia Calarossi, Van Gogh e Monet.
    Per sostenersi economicamente vende le sue opere così come la maggior parte degli artisti di questo periodo.
    Si stacca dall’impressionismo, infatti utilizza colori piatti e senza sfumature e contorna le figure con un bordo nero, al contrario gli impressionisti non ne creavano alcuno se non con i colori.
    Serena L.
  • Period: to

    Vincent Van Gogh

    Vincent Van Gogh era un uomo con un’anima inquieta e una visione distorta della realtà. I suoi primi erano soggetti umili (come contadini), in seguito introdusse la ricerca sull’espressione soggettiva e fu l’uso di colori accesi e spesso irrealistici che resero le sue opere l’espressione della sua tormentata esistenza. Egli aprì un capitolo nuovo nell’arte dopo la crisi dell’impressionismo, proprio perché rispetto agli impressionisti Van Gogh tende a proiettare nella realtà se stesso.
    Emma Gorla
  • Period: to

    Georges Seurat

    Nacque a Parigi, frequentò una scuola di pittura. I suoi studi vennero interrotti dal servizio militare. Ebbe un approccio scientifico all'arte. Utilizza piccoli tocchi di colore che producono grande luminosità. Il critico Felix Feneon coniò il termine pointillisme per descrivere la sua tecnica anche se Seurat preferiva il termine divisionismo. Morì a causa di una malattia fulminante. Il lavoro di Seurat fu molto influente. BD
  • La colazione sull’erba

    La colazione sull’erba
    Questo quadro di Edouard Manet, conservato al Musée d’Orsay di Parigi, fu oggetto di scandalo e imputato di ritrarre un’indecenza. Nel dettaglio, questo presenta in primo piano una donna, del tutto nuda, che guarda lo spettatore, seduta al fianco di due borghesi. Quello a sinistra sembra pensieroso, l’altro distende la gamba sinistra verso la donna. I tre consumano una merenda in un bosco vicino a Parigi. In secondo piano si nota un'altra donna in sottoveste, che si rinfresca nella Senna.
  • Olympia

    Olympia
    L'opera di Manet è realizzata in olio su tela (130x190cm) e conservata a Parigi presso il Musée d'Orsay. Il dipinto raffigura Victorine Meurent, ritratta più volte da Manet, ed è ispirato alla Venere di Urbino del Tiziano. La carnalità sensuale del nudo, circondato da vari accessori, rappresenta una rottura con le convenzioni etiche dell'epoca. Seppur presente questa contestazione, l'opera presenta tratti classici quali l'equilibrio formale, la purezza dei tratti e i toni chiari.
    Figini Matteo
  • Period: to

    Henri de Toulouse-Lautrec

    Nasce ad Albi in Francia da una famiglia nobile. Ha diverse malattie genetiche a causa del matrimonio consanguineo. Fu costretto a ritirarsi dalla scuola a causa del nanismo.Trova conforto nella pittura e inizia a frequentare l'atelier di Fernand Cormon a Parigi. Entra a far parte di un gruppo di artisti chiamati Les Artistes Inchoérents. Prende spunto dallo stile pittorico di Edgar Degas. Viaggia molto finchè le sue condizioni di salute peggiorano e si ripercuotono sulla pittura. BD
  • Natura morta: zuccheriera, pere e tazza blu.

    Natura morta: zuccheriera, pere e tazza blu.
    Quest'opera di Cézanne si trova nel Musée d'Orsay di Parigi. La tecnica usata è olio su tela e le sue dimensioni sono 30x41 cm. L'opera rappresenta una natura morta. Gli oggetti sono posti su una superficie neutra avvolti da uno secondo piano nero. Le forme sono create dall'uso del colore e sono evidenziate dalla pennellata solida usata.Cézanne usa effetti di luce che mettono in risalto i diversi colori usati, in particolare le varie sfumature di verde e arancione nel colore delle pere. SM
  • Ritratto di Emile Zola

    Ritratto di Emile Zola
    Quest'opera, realizzata in olio su tela (146x114cm) è collocata a Parigi nel Musée d'Orsay. Vi è il ritratto di Emile Zola, il quale coltivava un amicizia con l'autore Manet. Lo scrittore è ritratto nel suo studio, su una poltroncina imbottita, posto di profilo con le gambe accavallate mentre tiene in mano un libro aperto. Ciò che rende caratteristico il ritratto è l'uso di pennellate piatte tipiche dell'arte giapponese, di cui Manet ne fa omaggio con alcune stampe sullo sfondo.
    Figini Matteo
  • La Stiratrice

    La Stiratrice
    E' un'opera di Edgar Degas realizzata con olio su tela, misura 92x73 cm e fa parte di una collezione privata degli USA. Rappresenta una ragazza che stira un lenzuolo; Degas riprende più volte il soggetto. La raffigurazione è frontale, il colore principale è il bianco con qualche sfumatura di rosa e di marrone.Usa pennellate larghe e dense. Le lenzuola risaltano i tratti della donna: bocca rossa,occhi capelli neri, pelle chiara, indossa una gonna scura e un corpetto bianco.
    Raffaella G.
  • Impression, soleil levant

    Impression, soleil levant
    È un'opera realizzata dall’artista francese Claude Monet, ed è considerata la prima opera appartenente al movimento impressionista, che rivoluzionò l’arte francese della seconda metà dell’Ottocento. È un dipinto ad olio su tela, con dimensioni 48x63 centimetri. È tutt’oggi conservata nel Musée Marmottan Monet, a Parigi.
    Essa raffigura il porto di Le Havre al sorgere del sole, come si può notare dai riflessi sull'acqua e dalla presenza dei pescherecci che ritornano in porto dopo la notte in mare
  • La casa dell'impiccato

    La casa dell'impiccato
    È un olio su tela realizzato dal pittore francese Paul Cézanne di dimensioni 55×66 centimetri. È stato esposto alla prima mostra impressionista tenutasi a Parigi nel 1874. Nonostante le critiche, fu acquistata dal conte Armando Doria, per poi essere ceduta al museo d'Orsay di Parigi, dov'è esposta tutt'ora.
    L'opera realizzata a Auvers-Sur-Oise, rappresenta un semplice dipinto a tema paesaggistico dell'omonimo paese, in cui possiamo notare un caseggiato e nello sfondo delle verdi colline.
  • Boulevard des Capucines

    Boulevard des Capucines
    È una serie di due opere ad olio su tela realizzate dall'artista francese Claude Monet. Hanno entrambe dimensioni di 80 x 60 centimetri. Una è conservata al Nelson-Atkins Museum of Art, in Missouri, l'altra al Pushkin Museum, a Mosca. L'opera rappresenta un famoso boulevard parigino, ispirata da quella di Nadar, che ha realizzato un dipinto avente il medesimo soggetto dal suo appartamento, nel 1870. Tutt'ora non si sa quale delle due opere è stata esposta nella mostra impressionista del 1874.
  • Campo di cavoli, Pontoise

    Campo di cavoli, Pontoise
    E' un'opera di Camille Piassarro ralizzata con olio su tela, misura 60 x 80 cm ed è conservata al Museo Nacional Thyssen-Bornemisza di Madrid, Spagna. Il pittore utilizza diverse tonalità di verdi, marroni e blu per rappresentare il campo. Sulla sinistra ci sono due alberi spogli mentre altri alberi boscosi fanno da sfondo alla scena. In mezzo al campo si notano alcuni lavoratori intenti a raccogliere i cavoli. La luce soffusa crea un'atmosfera malinconica, triste.
    Raffaella G.
  • I Mietitori

    I Mietitori
    E' un'opera di Pierre-Auguste Renoir realizzata a olio su tela. Pennellate sottili e veloci dipingono un campo di grano durante la mietitura. In primo piano ci sono tre lavoratori con maglia bianca e pantaloni neri. Al centro del quadro ci sono altre due figure del tutto scure. Sullo sfondo a sinistra si vede quello che sembra un casolare. In secondo piano tra il grano spuntano degli alberi quasi secchi. Il gialli e i verdi usati per il campo contrastano con l'azzurro del cielo.
    Raffaella G.
  • Gelata bianca

    Gelata bianca
    Dipinto da Camille Pissarro, olio su tela conservata al Museo D'Orsay a Parigi. Il quadro rappresenta un mattino invernale nelle vicinanze di Pontoise. Il paesaggio è opprimente e il freddo irrigidisce il contadino che trasporta un peso sulle spalle. E' visibile l'attenzione prestata nei confronti della luce, le ombre e i brevi tratti tipici dell'arte impressionista.
    BD
  • Ballerina

    Ballerina
    E' un dipinto olio su tela di Pierre-Auguste Renoir, esposto nella National Gallery of Art a Washington e misura 142x93 cm.
    La ballerina è in posa statica mentre svolge una torsione del busto verso lo spettatore. Rivolge lo sguardo all'osservatore. Quello di Renoir è un ritratto più tradizionale in contrapposizione alle ballerine di Degas che accenna appena i tratti somatici dei soggetti. Le pennellate sono delicate. Charles Deudon l'acquistò nonostante le numerose critiche. BD
  • Le Havre, bateaux de pêche sortant du port

    Le Havre, bateaux de pêche sortant du port
    E' un'opera di Claude Monet realizzata con olio su tela, misura 60x101 cm e appartiene a una collezione privata. Rappresenta il porto di Le Havre visto dall'alto attraverso una finestra. Monet utilizza colori tendenti al blu, al grigio, al viola e il color terra. In primo piano c'è una banchina con molte piccole persone; in secondo piano il mare in subbuglio con molte barche pronte a lasciare il porto; sullo sfondo il molo e la città. La luce soffusa enfatizza le nuvole e la nebbia.
    Raffaella G
  • Una moderna Olympia

    Una moderna Olympia
    Realizzato da Paul Cezanne, olio su tela e si trova nel museo d'Orsay di Parigi. Cézanne interpreta, rispetto a Manet, il soggetto in modo più audace. I colori sono brillanti e vivaci. E' presente un contrasto tra la nudità della donna spogliata dalla cameriera nera e l'abito elegante dell'uomo in nero. La scena ha un aspetto erotico e drammatico e perciò suscitò molte critiche di disprezzo e sdegno. BD
  • Period: to

    Impressionismo

    • Assenza di un programma preciso
    • Deriva dal Realismo (non si occupa dei problemi, ma solo degli aspetti positivi della società)
    • La rivoluzione della corrente è la tecnica
    • Rappresentazione della realtà sensibile nel modo più fedele possibile
    • Indifferenza verso i soggetti
    • Interesse per la realtà urbana e rifiuto dell’evasione verso mondi idilliaci
    • Novità della pratica dell’en plein air
    • Poetica dell’attimo fuggente
    • Artisti più importanti: Monet; Renoir; Sisley; Pissarro e Degas.
  • La donna con il parasole - Claude Monet

    La donna con il parasole - Claude Monet
    National Gallery of Art
    100 x 82 cm
    Olio su tela
    Tratto veloce. Nero abolito,la forma viene abbandonata e le ombre sono rappresentate con il colore. Monet rappresenta la sua famiglia durante una passeggiata. Immortalato un momento della vita quotidiana. La moglie e il figlio sono spunto per cogliere gli effetti della luce e del vento che creano un velo sul viso della donna e non presenta tratti ben delineati. Trasmette tristezza e probabilmente predice la morte prossima della donna.
    Serena L.
  • La stazione di Saint-Lazare

    La stazione di Saint-Lazare
    Quest'opera di Monet, conservata al Musée d’Orsay di Parigi, fa parte di una serie di 4 dipinti che ritraggono l'omonima stazione ferroviaria che si trova nella capitale francese. Al centro del dipinto ci sono diverse locomotrici che stanno entrando nella stazione. Ai lati invece, nascosti dal vapore, si intravedono alcuni edifici parigini e le banchine piene di viaggiatori. L'opera è impressionista in quanto frutto di uno studio dall'artista sugli effetti sulla luce determinati dal fumo.
  • La Gare Saint-Lazare, Vue Extérieure

    La Gare Saint-Lazare, Vue Extérieure
    E' un'opera di Claude Monet che nel 1877 ha creato una serie di 12 tele in cui è rappresentata l'omonima stazione francese da diverse prospettive,in questo caso dall'esterno. È un olio su tela,misura 60.4 x 80.2 cm ed è proprietà di un ente privato.Con pennellate brevi e colori freddi,Monet raffigura la stazione a destra e due treni a vapore sulle rotaie a sinistra.Le luci,le persone,la città di sfondo e i dettagli della struttura rendono il quadro più completo e realistico.
    Raffaella G
  • Fiori in vaso - Seurat

    Fiori in vaso - Seurat
    Olio su tela
    46,4x38,5 cm
    Fogg Art Museum di Cambridge (Massachusetts)
    Questa è una delle prime opere realizzate e l'unica che rappresenta una natura morta.
    Il colore che più risalta è il rosso, colore saturo su sfondo insaturo e sono evidenti pennellate molto brevi di colore puro che richiamano molto il suo successivo modo di dipingere.
    Il contrasto tra soggetto e sfondo aumenta anche grazie alle pennellate verticali che stonano con le pennellate in diverse direzioni del soggetto.
    Serena L.
  • La Rue Montorgueil a Parigi. Festa del 30 giugno 1878

    La Rue Montorgueil a Parigi. Festa del 30 giugno 1878
    Il dipinto fu realizzato in occasione della festa del 30.06.1878, istituita per celebrare la terza Esposizione universale di Parigi e la festa del lavoro nata dopo un periodo di difficoltà del governo francese. Si tratta di un olio su tela di 81x50,5 cm realizzato da Claude Monet. Ad oggi è conservato al Musée d'Orsay a Parigi ma originariamente era parte della collezione del dottor G. de Bellio. I tratti sono veloci e i colori accesi del tricolore francese dominano il dipinto. DCI
  • La testa di giovane donna - Seurat

    La testa di giovane donna - Seurat
    Olio su tela
    28,8 x 24,1 cm
    Dumbarton Oaks Research Gallery di Washington
    Probabilmente fu una delle prime opere dell'autore, infatti sembra quasi un abbozzo, l'autore ha rappresentato la cugina che esprime immaturità e insicurezza.
    Le pennellate sono evidentemente decise, ma libere, inoltre hanno notevole importanza le luci e ombre create che identificano i contorni dei volumi. I colori sono caldi e insaturi e lo sfondo chiaro contrasta con la massa sura di capelli della ragazza.
    Serena L.
  • Gli spaccapietre

    Gli spaccapietre
    Il soggetto qui rappresentato da Seurat è lo stesso di altri dipinti di altri autori precedenti a lui come Courbet. Importante quindi non è tanto il soggetto rappresentato, ma come l'autore riesce a riprodurlo. Infatti in questo quadro, di dimensioni 16,7x26 cm e conservato in una collezione privata, l'autore sperimenta i suoi studi sui colori e anticipa la sua tecnica del puntinismo. Si può notare come la donna venga risaltata tramite l'accostamento di colori complementari.
    Matteo Galozzi
  • Contadina seduta in un prato - Seurat

    Contadina seduta in un prato - Seurat
    Olio su tela
    38,1 x 46,2 cm
    Solomon R. Guggenheim Museum di New York
    L'opera rappresenta una contadina seduta in un prato verde. Risalta molto grazie ai contrasti di colore, infatti sul prato ci sono pennellate di colore caldo come il rosso e sull'abito sono blu e rosa tenue. Ella risulta plastica e scultorea. Le ombre sono create dalla luce del sole proveniente alle spalle.
    Le pennellate oblique dello sfondo risaltano il soggetto costituito invece da pennellate molto meno evidenti.
    Serena L.
  • Bagnanti ad Asnières

    Bagnanti ad Asnières
    È un’opera di Georges Seurat con colore ad olio. È di dimensioni 2x3 m e si trova alla National Gallery. Sulla riva della Senna ci sono dei bagnanti ed altra gente che prendono il sole, mentre in lontananza si scorge la nuova zona industriale di Clichy. Sono presenti toni freddi a destra con la Senna e toni caldi attraverso i costumi. La luce delimita i contorni delle figure e del paesaggio.
  • I mangiatori di patate

    I mangiatori di patate
    L’opera di Van Gogh, conservata al Van Gogh Museum di Amsterdam, rappresenta una famiglia di contadini a cena, dopo una giornata di lavoro nei campi.
    Van Gogh dipinge i volti del colore di una patata polverosa per trasmettere che tali persone hanno usato le stesse mani con cui ora mangiano, per lavorare. La monocromia delle tonalità cupe e sporche rappresenta la povera vita degli operai e lo squallore delle loro condizioni di vita, ma da chi ha assistito di persona a tali scene.
    Emma Gorla
  • Period: to

    Post-impressionismo

    -Non si analizzano più gli effetti della luce e del colore
    -Si vogliono rappresentare le realtà in modo soggettivo
    -Assenza dei contorni delle figure come nelle opere impressioniste
    -I post-impressionisti differiscono tra loro a causa dei diversi tratti delle pennellate: Guaguin stende il coloro in modo piatto, Van Gogh in modo irregolare (con pennellate più larghe di altre); Cèzanne crea dei mosaici di pennellate molto marcate a tal punto da creare effetti tridimensionali
    Matteo Galozzi
  • Una domenica pomeriggio sull'isola della Grande-Jatte

    Una domenica pomeriggio sull'isola della Grande-Jatte
    Il quadro conservato all’Art Institute of Chicago rappresenta la folla borghese parigina in riva al fiume Senna. Si tratta di un olio su tela di Georges Seurat, di 207×308 cm. La tecnica del puntinismo e l'accostamento dei colori hanno lo scopo di valorizzare il colore e rendere il dipinto brillante. La profondità è data unicamente dalla sovrapposizione delle figure, di cui è marcata la staticità. Il dipinto fu esposto per la prima volta in una mostra degli Impressionisti nel1886. DCI
  • Père Tanguy

    Père Tanguy
    Situata al "Musée dorin" a Parigi, l'opera è un olio su tela di dimensioni 65x51 cm. Van Gogh ritrasse Père Tanguy, venditore di colori di Parigi, dinanzi alla sua collezione di stampe giapponesi.
    Le pennellate dell'autore sono ben evidenti nella giacca e nei pantaloni del soggetto rappresentato, mentre sono più nascoste in alcune parti dello sfondo diviso in una zona, quella in alto, dove prevalgono colori freddi e in un'altra dove invece prevalgono quelli caldi.
    Matteo Galozzi
  • I Girasoli

    I Girasoli
    I Girasoli sono una serie di dipinti ad olio su tela realizzati tra il 1888 e il 1889 da Vincent van Gogh. Attualmente sono collocati ad Amsterdam, al Van Gogh Museum.
    La profondità è indicata dalla sovrapposizione delle forme, i fiori sono dipinti sono dominati da varie tonalità di giallo, simbolo di felicità.
    I fiori sono disegnati velocemente con grandi pennellate e linee spesse di contorno. Sia il vaso, che il piano e sfondo sono dipinti bidimensionali colore bidimensionale.
    Emma Gorla
  • La camera di Vincent ad Arles

    La camera di Vincent ad Arles
    L'opera di Van Gogh ritrae la camera dove lui abitò dopo il trasferimento ad Arles. La stanza è semplice con presenti pochi mobili e oggetti.
    I colori sono brillanti e puri e il rosso della coperta crea un contrasto con il verde delle due sedie.
    Lo spazio è deformato per poter creare una complicità emotiva per coinvolgere lo spettatore.
    Le superfici sono dipinte con pennellate amalgamate molto diverse da quelle che l’artista utilizzerà qualche anno dopo.
    Emma Gorla
  • Ritratto di Père Tanguy

    Ritratto di Père Tanguy
    Quest'opera di Van Gogh è una tra le tre che lui dipinge in cui viene rappresentato Père Tanguy,un commerciante di colori.L'opera è conservata al Musée Rodin e le sue dimensioni sono 92x75cm. Sullo sfondo una parete tappezzata di stampa giapponese.Van Gogh si concentra a dare la forma al soggetto usando il colore diffuso con pennellate orientate.Pennellate che riescono a dare anche un effetto di dinamicità a tutta l'opera.I colori usati nel soggetto sono freddi,mentre nello sfondo sono caldi. SM
  • Notte stellata

    Notte stellata
    La Notte stellata è un dipinto di Van Gogh, conservato al Museum of Modern Art di New York. Il dipinto raffigura un paesaggio notturno di Saint-Rémy-de-Provence.
    Van Gogh ha utilizzato brevi pennellate modellanti di colore materico. La direzione dei segni colorati segue, infatti, la forma delle figure. La matrice pittorica, con l’approssimarsi della crisi finale, diventa progressivamente più tormentata.
    Nel cielo la luna e le stelle spiccano grazie al contrasto del giallo col blu.
    Emma Gorla
  • La Belle Angèle

    La Belle Angèle
    Quest'opera di Gaugin si trova al Musée d'Orsay di Parigi.E' realizzata con la tecnica dell'olio su tela e le sue dimensioni sono 92x73 cm. La donna rappresentata è Marie-Angelique Sartre, un'albergatrice di Pont-Aven, dove Gaugin spese parte della sua vita.La scelse come soggetto per la sua grande bellezza e la ritrae con abiti semplici ed un corcifisso attaccato al collo, simbolo di cristianità.Quest'opera fu ritenuta tanto bella che Degas nel 1891 decise di comprarla per la sua collezione. SM
  • La camera di Vincent Van Gogh ad Arles

    La camera di Vincent Van Gogh ad Arles
    Il quadro presenta una stanza arredata in modo semplice con oggetti di uso quotidiano delineati da contorni netti e scuri. I colori sono brillanti e puri e la prospettiva è centrale. L'olio è steso sulla tela di 57,5 x 74 cm sia con le dita che con il pennello. L'autore è Vincent van Gogh a cui appartiene la stanza. L'opera al Musée d’Orsay di Parigi. DCI
  • Ritratto del dottor Gachet

    Ritratto del dottor Gachet
    È un’opera di Vincent van Gogh ad olio su tela. È di dimensioni 68x57 cm e si trova a Parigi al Musée d’Orsay. Il dottor Gachet è seduto ad un tavolo ed ha la guancia destra poggiata sul pugno chiuso della mano con un’espressione malinconica; mentre la mano sinistra trattiene sul tavolo un’erba medicinale che rappresenta un conforto nel dolore. Il paesaggio sullo sfondo potrebbe essere collinare. Ha un’intonazione fredda e c’è un contrasto tra il rosso del tavolino e il verde dell’erba.
  • La cattedrale di Rouen in pieno sole

    La cattedrale di Rouen in pieno sole
    Quest'opera di Claude Monet, conservata al Musée d’Orsay di Parigi, fa parte di una serie di 31 dipinti che ritraggono dallo stesso punto di vista l'ingresso della cattedrale di Notre-Dame. Essi si differenziano solamente per via della luce, che si riflette sul soggetto in modi diversi. In questo caso la cattedrale viene ritratta in pieno giorno. Nella parte bassa dell'opera i due portoni minori affiancano quello centrale, al di sopra del quale c'è il rosone, i pilastri e le guglie sovrastanti.
  • Au Moulin Rouge

    Au Moulin Rouge
    Attualmente si trova al "The Art Istitute" di Chicago, è un olio su tela ed è grande 123x140,5 cm. Quest'opera rappresenta la vita notturna parigina fatta di eccessi in alcol, balli e feste. Si notano legami con l'impressionismo perchè Toulouse-Lautrec, autore di tale opera, è riuscito ad afferrare con pennellate veloci e piene di colore l'attimo notturno di questo locale.
    Matteo Galozzi
  • La donna dei manghi

    La donna dei manghi
    È un’opera di Paul Gauguin ad olio su tela. È di dimensioni 97cmx1,3m e si trova al Museo Puškin delle belle arti. Rappresenta una ragazza tahitiana distesa sull’erba in una posa classica, probabilmente una primitiva Eva di Tahiti visto il serpente che avvolge l’albero dietro, che rivolge lo sguardo verso lo spettatore. Si possono notare sullo sfondo una serva che coglie i frutti, due vecchi accanto all’albero, una cane, due colombe e una spiaggia. Il colore non è caratterizzato da mescolature
  • Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?

    Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?
    Quest'opera di Gaugin si trova al Museum of Fine Arts di Boston. E' realizzata con la tecnica dell'olio su tela e le sue dimensioni sono 139x394,5cm. L'opera rappresenta le tre risposte alle domande esistenziali dell'uomo, le quali danno il titolo all'opera. Va letta da destra verso sinistra, e ogni parte rappresenta una risposta alla domanda.Si partirà secondo Gaugin dalla nascita(bambino in fasce) passando per il cogliere l'illusione della natura(parte centrale),fino alla morte. SM
  • Il ponte giapponese

    Il ponte giapponese
    È il soggetto di un ciclo di dipinti olio su tela realizzati dal pittore francese Claude Monet. Tutte le opere sono state dipinte nel giardino in stile giapponese dello stesso Monet, presso Giverny, in stagioni diverse e, di conseguenza, con diversi colori dominanti. Il primo di questi venne esposto alla prima mostra impressionista tenutasi a Parigi nel 1874. Nonostante le critiche, fu acquistata dal conte Armando Doria, per poi essere ceduta al museo d'Orsay di Parigi, dov'è esposta tutt'ora.
  • Montagne Sainte-Victoire

    Montagne Sainte-Victoire
    Di dimensioni 65x81 cm e realizzata con la tecnica dell'olio su tela, l'opera si trovava inizialmente a Parigi, mentre oggi appartiene a una collocazione privata a Zurigo. In realtà quest'opera appartiene a una serie di dipinti che rappresentano tutti lo stesso tema, cioè la montagna Sante-Victoire, luogo caro al pittore fin dall'infanzia. Le pennellate grossolane di Cezanne sono delle tessere di un mosaico che se prese singolarmente appaiono prive di senso.
    Matteo Galozzi
  • La Montagna Sainte-Victoire

    La Montagna Sainte-Victoire
    L'opera rappresenta di nuovo la Montagna di Sainte-Victoire e il borgo in primo piano coperto parzialmente da alberi e cespugli. È uno dei soggetti più ricorrenti nelle opere di Paul Cézanne. Questo quadro è conservato al Museum of Art di Philadelphia, si tratta di un olio su tela, di dimensioni 73 x 91.9 cm, caratterizzato da colori luminosi e la profondità è data solo dalla sovrapposizione delle forme. DCI
  • Monte di Sainte-Victoire visto da Lauves

    Monte di Sainte-Victoire visto da Lauves
    Monte di Sainte-Victoire visto da Lauves
    L'opera è un olio su tela, 60 x 73 cm, conservato all' A. S. Puškin di Mosca. Si tratta probabilmente dell'ultimo quadro in cui Paul Cézanne rappresentò la Montagne Sainte-Victoire. Il dipinto è caratterizzato da colori chiari e pennellate regolari e dinamiche, il paesaggio di montagna e ridotto a forme semplici delineate dalla luce e dai colori acceso. DCI
  • Ninfee blu

    Ninfee blu
    Quest'opera di Claude Monet, conservata al Musée d’Orsay di Parigi, fa parte di una serie di ben 250 dipinti. I soggetti che vengono ritratti molteplici volte sono delle ninfee, che l'autore può ammirare nel giardino che ha personalmente allestito a Giverny, paesino dove risiede. In questo dipinto in particolare le ninfee dello stagno appartengono alla varietà Nenufaro Bianco. Monet decide però di non ritrarre l'ambiente circostante.