COMPITO VACANZE ESTIVE 2021

  • Period: 1267 to 1337

    GIOTTO

  • 1275

    GIOTTO E CIMABUE

    Nei primo decennio di vita Giotto fu allievo nella bottega di Cimabue, pittore fiorentino citato anche nella Divina Commedia di Dante come il pittore più bravo, prima della nascita di Giotto.
  • 1290

    CROCIFISSO DI S. MARIA NOVELLA - Giotto

    CROCIFISSO DI S. MARIA NOVELLA - Giotto
    Gesù cede alla forza di gravità, infatti il corpo cede verso il basso, i piedi sono legati con un solo chiodo, il sangue schizza anche dal torace, le mani sono molto realistiche.
  • 1303

    CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI - Giotto

    CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI - Giotto
    La Cappella degli Scrovegni è considerata il più grande capolavoro del medioevo, soprattutto le meravigliose pareti delle scene del giudizio universale.
  • 1303

    COMPIANTO SU CRISTO MORTO - Giotto

    COMPIANTO SU CRISTO MORTO - Giotto
    Codesta opera rappresenta una scena drammatica e si capisce dalla natura spoglia, Maria abbraccia il corpo di Gesù: il suo volto esprime dolore, si capisce che è una scena triste, perchè San Giovanni alla destra del quadro allarga le braccia con segno di disperazione. Da notare anche le posizioni degli angeli da cui capiamo che è una scena drammatica.
  • Period: 1377 to 1446

    FILIPPO BRUNELLESCHI

  • Period: 1386 to 1466

    DONATELLO

  • Period: 1395 to 1455

    BEATO ANGELICO

  • 1401

    PARTECIPATO A UN CONCORSO PER PROGETTARE LE PORTE IN BRONZO DEL BATTISTERO DI FIRENZE

    PARTECIPATO A UN CONCORSO PER PROGETTARE LE PORTE IN BRONZO DEL BATTISTERO DI FIRENZE
    Sebbene Brunelleschi non abbia vinto il concorso, questo evento è quando è stato visto per la prima volta come un giovane artista promettente con il suo progetto "Il Sacrificio di Isacco".
  • 1401

    BRUNELLESCHI E DONATELLO

    Brunelleschi visitò il suo amico Donatello a Roma per studiare le antiche rovine che avrebbero influenzato il suo lavoro in Italia.
  • Period: 1401 to 1428

    MASACCIO

  • Period: 1404 to 1472

    LEON BATTISTA ALBERTI

  • Period: 1415 to 1492

    PIERO DELLA FRANCESCA

  • 1417

    SAN GIORGIO - Donatello

    SAN GIORGIO - Donatello
    “L’uomo dotato di ragione che occupa il suo spazio”
  • 1418

    IL BRUNELLESCHI VINCE IL CONCORSO CON IL SUO PROGETTO PER IL DUOMO (CUPOLA DI SANTA MARIA DEL FIORE)

     IL BRUNELLESCHI VINCE IL CONCORSO CON IL SUO PROGETTO PER IL DUOMO (CUPOLA DI SANTA MARIA DEL FIORE)
    Il suo progetto doveva essere completato senza il supporto di impalcature o archi rampanti, che influenzarono il resto dell'architettura rinascimentale italiana.
  • 1419

    OSPEDALE DEGLI INNOCENTI - Brunelleschi

    OSPEDALE DEGLI INNOCENTI - Brunelleschi
    Fu il primo di una serie di archi sostenuti da colonne (paraste o lesene) da lui progettati che sarebbero diventati prevalenti nell'Italia rinascimentale.
  • 1424

    CACCIATA DI ADAMO ED EVA DAL PARADISO TERRESTRE - Masaccio

    CACCIATA DI ADAMO ED EVA DAL PARADISO TERRESTRE - Masaccio
    Adamo piangente si copre il viso con la mano, in segno di vergogna, mentre Eva si copre con le braccia e urla con dolore.
  • 1425

    IL TRIBUTO - Masaccio

    IL TRIBUTO - Masaccio
    Nel Tributo di Masaccio sono fuse tre scene diverse nello stesso affresco, poste non in successione cronologica (è posta al centro il momento del miracolo). La costruzione architettonica ha il suo fulcro nel punto di fuga situato dietro la testa di Cristo.
  • 1426

    MADONNA IN TRONO CON BAMBINO - Masaccio

    MADONNA IN TRONO CON BAMBINO - Masaccio
    In questa tavola su fondo oro, la Vergine è seduta su un trono costruito prospetticamente con un punto di vista ribassato, in modo da tener conto del punto di vista reale dello spettatore, s'incurva, come a formare un bozzolo protettivo attorno al Bambino che mangia chicchi d’uva, simbolo della sua futura passione.
  • 1427

    IL BANCHETTO DI ERODE - Donatello

    IL BANCHETTO DI ERODE - Donatello
    Basso rilievo su formella di bronzo successivamente dorata.
    In quest'opera è posta grande attenzione alla rappresentazione prospettica e agli spazi. (percorso temporale e spaziale → successione cronologica)
  • Period: 1430 to 1479

    ANTONELLO DA MESSINA

  • Period: 1431 to 1506

    ANDREA MANTEGNA

  • 1439

    BEATO ANGELICO LAVORA ALLA DECORAZIONE DEL CONVENTO DI SAN MARCO

  • 1440

    CRISTO DERISO - Beato Angelico

    CRISTO DERISO - Beato Angelico
    Lo spazio è rigorosamente geometrico e razionale, trasmettendo un senso di immobilità. La figura principale è isolata e l’artista toglie qualunque distrazione che allontani l’osservatore dall’immagine della scena.
  • Period: 1445 to 1510

    SANDRO BOTTICELLI

  • 1447

    Tempio Malatestiano - Alberti

    Tempio Malatestiano - Alberti
    La chiesa gotica di San Francesco è inglobata in un involucro classico di marmo. La facciata in proporzione quadrata è tripartita da colonne corinzie e archi a tutto sesto riferiti all’Arco di Augusto. Sui fianchi la serie di archi rinvia agli acquedotti romani. L’opera è incompiuta.
  • 1449

    ANNUNCIAZIONE - Beato Angelico

    ANNUNCIAZIONE - Beato Angelico
    Beato Angelico contestualizza la scena in un'architettura pensata, costruita e realizzata secondo regole rinascimentali
  • 1450

    PALAZZO RUCELAI - Alberti

    PALAZZO RUCELAI - Alberti
    È formata da tre piani sovrapposti, separati orizzontalmente da cornici marcapiano e ritmati verticalmente da lesene di ordine diverso; al piano terreno lesene doriche, ioniche al piano nobile e corinzie al secondo.
    Le lesene decrescono progressivamente verso i piani superiori, in modo da creare nell'osservatore l'illusione che il palazzo sia più alto di quanto non sia in realtà.
  • Period: 1452 to 1519

    LEONARDO DA VINCI

  • 1453

    GATTAMELATA - Donatello

    GATTAMELATA - Donatello
    Una delle opere più famose di Donatello, "Gattamelata" è stata la prima statua equestre del Rinascimento dai tempi dei romani.
  • 1455

    MADDALENA - Donatello

    MADDALENA - Donatello
    Donatello si allontana da ogni riferimento della statuaria classica, facendo apparire la Maddalena già sfigurante nel fisico, ma anche distrutta nell'animo, col volto sofferente e un corpo scheletrico avvolto tra i propri capelli.
  • 1456

    FACCIATA DI SANTA MARIA NOVELLA - Alberti

    FACCIATA DI SANTA MARIA NOVELLA - Alberti
    Caratterizzate dall'alternarsi di fasce di marmo bianco e di marmo verde, secondo la secolare tradizione fiorentina
    Le forme rinascimentali si armonizzano con il primo ordine gotico. Sulle proporzione basate sul modulo quadrato si inseriscono elementi classici e decorazioni geometriche.
  • 1460

    FLAGELLAZIONE DI CRISTO - Piero Della Francesca

    FLAGELLAZIONE DI CRISTO - Piero Della Francesca
    La scena a sinistra, in un interno classico, è resa con una prospettiva impeccabile. A destra e in primo piano l’incontro dei tre personaggi in abiti rinascimentali avviene in una via di Urbino. (il dipinto avviene in un rettangolo aureo)
  • 1462

    BOTTICELLI FU APPRENDISTA

    Botticelli fu allievo di Fra Filippo Lippi. Molte delle sue prime opere sono state realizzate.
  • 1465

    DITTICO DEI DUCHI DI URBINO - Piero Della Francesca

    DITTICO DEI DUCHI DI URBINO - Piero Della Francesca
    I profili rievocano le antiche medaglie romane e si impongono sullo sfondo paesaggistico del dominio dei Montefeltro. Minuzia descrittiva e attenzione alla luce rivelano la conoscenza dell’arte fiamminga (nel paesaggio la luce è tanto calda da arrossare le curve dei colli).
  • 1465

    LA CAMERA DEGLI SPOSI - Andrea Mantegna

    LA CAMERA DEGLI SPOSI - Andrea Mantegna
    Mantegna ha costruito un sistema di decorazione omogenea su tutte e quattro le pareti della stanza, principalmente per mezzo di elementi architettonici dipinti molto realistici su pareti e soffitti, che dal livello del suolo imitano in modo convincente forme tridimensionalmente estese. Sebbene il soffitto sia piatto, sembra concavo.
  • 1469

    LA BOTTEGA DEL VERROCCHIO

    Leonardo Da Vinci entra nella bottega di Andrea del Verrocchio, frequentata da illustri artisti e giovani talenti, dove impara a disegnare, a dipingere e a scolpire.
  • 1472

    PALA DI MONTEFELTRO - Piero Della Francesca

    PALA DI MONTEFELTRO - Piero Della Francesca
    Nell’ambientazione si riconosce l’abside della Chiesa di San Bernardino. Lo studio dei dettagli e della luce mostrano lo sviluppo della tecnica fiamminga associata alla perfezione prospettica. (Ad esempio la riflessione sull’armata di Federico da Montefeltro presente in primo piano)
  • 1474

    SAN GIROLAMO NELLO STUDIO - Antonello Da Messina

    SAN GIROLAMO NELLO STUDIO - Antonello Da Messina
    In questo dipinto lo spazio architettonico è di piccole dimensioni, ma produce un effetto monumentale grazie all’alternanza di pieni e di vuoti e alla luce che cade sul Santo per poi allontanarsi seguendo i dettagli.
  • 1475

    VERGINE ANNUNCIATA - Antonello Da Messina

    VERGINE ANNUNCIATA - Antonello Da Messina
    La Madonna presentata in versione frontale: ne nasce un dialogo silenzioso e immaginario con l’Arcangelo che sta davanti a lei, nella stessa posizione dello spettatore.
    Maria ha un’espressione pensosa e le sue labbra disegnano serietà e serenità.
  • Period: 1475 to 1564

    MICHELANGELO BUONARROTI

  • 1481

    LA PRIMAVERA - Botticelli

    LA PRIMAVERA - Botticelli
    Questa rappresentazione mitologica educa, trasmette la conoscenza, il piacere, la bellezza, la conversazione. È ambientata in un boschetto di aranci e va letta da destra verso sinistra.
  • 1482

    LEONARDO A MILANO

    Lascia Firenze per mettersi al servizio di Ludovico Sforza, detto il Moro, signore di Milano, al quale indirizza una lettera dove elenca i suoi “segreti” tecnologici. In essa offre al Moro come ingegnere, architetto, scultore, pittore e anche musico. A Milano Leonardo trascorre poi circa vent’anni durante i quali dipinge, disegna, progetta edifici e opere d’ingegneria.
  • 1483

    CRISTO MORTO - Andrea Mantegna

    CRISTO MORTO - Andrea Mantegna
    È presente uno scorcio prospettico che attira lo spettatore nella scena. I piedi sarebbero apparsi in primo piano rispetto al resto del corpo dando un'immagine "grottesca", quindi vengono rappresentati più piccoli del normale così come le gambe che appaiono più corte. Le braccia invece sembrano eccessivamente lunghe e il costato molto largo rispetto al resto della figura.
  • 1483

    NASCITA DI VENERE - Botticelli

    NASCITA DI VENERE - Botticelli
    Anche quest’opera è a carattere educativo: ci fa parlare, sapere e informare della cultura. Rappresenta la bellezza ideale di Botticelli.
  • Period: 1483 to 1520

    RAFFAELLO SANZIO

  • 1485

    LA DAMA CON L’ERMELLINO - Da Vinci

     LA DAMA CON L’ERMELLINO - Da Vinci
    Cecilia Gallerani, colta quasi sfuggita, si volta come distratta da qualcosa. All’indagine psicologica anche in rapporto con l’ermellino e alla descrizione del costume si affianca il senso di transitorietà della scena.
  • 1487

    PRESSO IL GHIRLANDAIO

    Michelangelo approdò nella bottega del Ghirlandaio uno degli artisti più quotati del periodo.
  • 1488

    FORMAZIONE

    Michelangelo cominciò a frequentare il giardino di San Marco, una sorta di accademia artistica sostenuta economicamente da Lorenzo il Magnifico.In questo periodo realizza le sue prime opere la Madonna della Scala e la Battaglia dei centauri.
  • 1495

    CENACOLO - Da Vinci

    CENACOLO - Da Vinci
    La composizione regolare, centrata e prospettica sembra sconvolta dall’annuncio del tradimento di Cristo: occasione per mostrare la diversità di caratteri, reazioni ed emozioni di fronte al dramma. La prospettiva centrale, il triangolo della figura di Cristo e le finestre sullo sfondo sono simboli di Trinità
  • 1498

    LA PIETÀ - Michelangelo

    LA PIETÀ - Michelangelo
    L’iconografia è molto innovativa. Sulla composizione piramidale il dramma della scena è espressa dal contrasto tra il corpo abbandonato e levigato di Cristo e l’agitazione dei panneggi. Fortemente espressivi sono il gesto rassegnato della Madonna, la tristezza del volto e il capo inclinato in avanti.
  • 1501

    DAVID - Michelangelo

    DAVID - Michelangelo
    David è colto nel momento che precede l’azione. Le proporzioni classiche del nudo, la tensione fisica e l’espressione concentrata costituiscono l’immagine ideale dell’eroe biblico, simbolo delle virtù civiche di Firenze
  • 1503

    LA GIOCONDA - Da Vinci

    LA GIOCONDA - Da Vinci
    Il primo piano della Monna Lisa, posta obliquamente, tende a fondersi con il paesaggio ricco di acque e rocce. Il sorriso appena accennato, l’effetto sfumato e le ombre accentuano il senso di mistero.
  • 1504

    SPOSALIZIO DELLA VERGINE

    Sull’iconografia ripresa da Perugino, lo spazio è circolare e infinito. Le figure sono atteggiate con grazie e naturalezza. I colori sono accordato armonicamente.
  • 1504

    SPOSALIZIO DELLA VERGINE

    SPOSALIZIO DELLA VERGINE
    Sull’iconografia ripresa da Perugino, lo spazio è circolare e infinito. Le figure sono atteggiate con grazie e naturalezza. I colori sono accordato armonicamente.
  • 1505

    RITRATTI DI AGNOLO DONI E MADDALENA STROZZI

    RITRATTI DI AGNOLO DONI E MADDALENA STROZZI
    Nei due dipinti il paesaggio chiaro e luminoso risalta la resa psicologica dei personaggi e la descrizione dei dettagli del costume.
  • 1508

    VOLTA DELLA CAPPELLA SISTINA - Michelangelo

    VOLTA DELLA CAPPELLA SISTINA - Michelangelo
    La complessa iconografia è strutturata su uno schema in tre fasce longitudinali. La scansione prospettica e illusiva accoglie le poderose e dinamiche figure bibliche. I colori luminosi e la bellezza dei personaggi rinviano alla dimensione divina.
  • 1518

    LEONE X CON DUE CARDINALI

    LEONE X CON DUE CARDINALI
    Il dipinto si compone sul dominante del rosso. La diagonale prospettica del tavolo suggerisce la profondità.
  • 1536

    GIUDIZIO UNIVERSALE - Michelangelo

    GIUDIZIO UNIVERSALE - Michelangelo
    Le scena del momento finale si sviluppa in un grandioso vortice generato dal gesto di Cristo. Le figure si ammassano in grappoli alternati a squarci di cielo. La prospettiva è assente e le figure, prive di grazia e rese grottesche sono trascinate dalla potente corrente divina.